Dal 2009 Sellia racconta il Comprensorio offre un piccolo spazio di informazione tutto in modo totalmente gratuito senza un minimo di pubblicità animato solo dall'amore verso il nostro stupendo territorio.Oltre il 70% dei servizi sono inviati dai vari lettori, amministratori, enti, associazioni ecc...Solo nel mese di luglio 2017 il blog ha totalizzato ben 74.720 contatti ( fonte Google) il tutto da fastidio a chi spinto dall'invidia o da rancori per qualche servizio pubblicato che li da fastidio fa di tutto per bloccarci Ma il blog non si ferma forte del crescente consenso forte della vostra stima Grazie!

martedì 31 dicembre 2013

Classifica delle 10 parole più cercate su Google nel 2013 Buon anno a tutti da Sellia racconta. Alla fine dell'articolo un bel video dove viene riassunto tutto quello che è successo nel 2013.

A fine anno è sempre interessante fare un riepilogo e scoprire cosa gli italiani hanno cercato di più su internet.

Ci sono due tipi di statistiche riguardo le parole più cercate nei motori di ricerca in generale ed in Google in particolare, quelle più cercate in assoluto e quelle invece che sono nate o sono cresciute di più durante l'anno.

Le prime sono sempre parole generiche, mentre le altre sono legate ai fatti accaduti durante l'anno.

Abitudini ed attualità vanno quindi distinti e, per stilare delle
statistiche aggiornate e precise, ci si può affidare a due fonti diverse
 di dati: Google e anche Yahoo.



Siccome il 90% degli italiani utilizza Google come motore di ricerca su
internet, i suoi dati sono decisamente più importanti e precisi.

Yahoo, da parte sua, ha pubblicato un bel lavoro di riepilogo, che è stato preso come oro colato dai principali giornali.

Va però considerato che Yahoo è un motore di ricerca usato (poco) in
Italia soprattutto dai più giovani, quindi le sue statistiche premiano
delle parole o dei nomi più legati all'attualità ed al gossip che alle
cose più importanti.



Andando su Google Trends vediamo che le parole più cercate in assoluto, in Italia nel 2013.

1) facebook: In tutto il mondo e non solo in Italia, per accedere a Facebook si cerca il sito su Google. 

2) youtube: stesso discorso

3) libero:

 4) meteo: un classico 

5) google: cercare google su google deve suona davvero strano e ridicolo; se non altro questa "ignoranza" è comune a tutto il mondo.

6) roma: per sapere cosa succede o che ore sono a Roma forse.

7) video: parola davvero generica

8) you: non me la riesco a spiegare. 

9) giochi: a chi non piacciono i giochi?

10) libero mail: non Gmail, non Yahoo Mail, il servizio di posta
più cercato in italia è quello di libero nonostante esso sia tanto
limitato rispetto i giganti americani.

 il nostro blog si trova ben posizionato basta  scrivere Sellia o i vari paesi del comprensorio 



Lasciando i dati grezzi di Google Trends, andiamo alla pagina riassuntiva Google Zeitgeist 2013 in Italia, più facile da leggere e molto più completa di statistiche, per vedere quali sono state le ricerche cresciute di più durante l'anno 2013, rispetto l'anno precedente, effettuate dagli italiani.

Tra le parole più cercate dell'anno secondo Google possiamo trovare:

Elezioni 2013

Paul Walker (attore deceduto di Fast and Furious)

Zalando (il sito tedesco copia di Zappos che fa tanta pubblicità in tv)

Movimento 5 Stelle

NoiPa

Beppe Grillo (vero mattatore dell'anno)

iPhone 5S (lo smartphone più venduto dell'anno)

Papa Francesco

iOS 7

Sanremo 2013



Le ricerche mondiali più frequenti su internet invece sono state:

Nelson Mandela

Paul Walker

iPhone 5s

Cory Monteith

Harlem Shake

Boston Marathon

Royal Baby

Samsung Galaxy s4

PlayStation 4

North Korea


Si può avere una panoramica complessiva nel nuovo globo interattivo 3D



Il film più cercato è Il Grande Gatsby, la ricetta è il Casatiello, la classifica del Come fare 2013 l'ha vinta la parola "Scrocchiarella", il "Cosa significa" la vince "Gesuita" evidentemente riferita a Papa Francesco, Il grande Perchè dell'anno è "Votare Grillo" mentre, per finire, quello che si vuol cambiare di più è la voce.



Tutto da vedere e bellissimo è il video riassuntivo di tutto quello che è successo nel mondo nel 2013.
continua a leggere per vedere il video

lunedì 30 dicembre 2013

SP25: la protesta dei paesi della presila in piazza Prefettura a Catanzaro. “Siamo pronti a autotassarci pur di rivedere la strada aperta subito!”

sp 25 protesta della presila

sp 25 protesta della presila2

Sono arrivati in circa 400 da San Pietro Magisano, Magisano, Albi, Taverna, San Giovanni d’Albi, Zagarise, Fossato e Sorbo San Basile,  in piazza Prefettura per portare nuovamente all’attenzione dell’amministrazione la questione relativa alla riapertura della SP 25 Arsanise-Catanzaro, la quale appunto collega il capoluogo alla fascia presilana, andata distrutta in

sabato 28 dicembre 2013

Sersale; importante consiglio comunale indetto per giorno 30 dove saranno discussi delicati argomenti messi all’ordine del giorno.

consiglio comunale 30-12-13

Sersale Czstemma di sersale cz

consiglio comunale del 30.12.2013 

all'odg si discuterà:

1) Variazione di bilancio Del Giunta Comunale 101 del 10/12/2013;

2) Interventi straordinari in occasione di eventi meteorologici avversi del mese di novembre;

3) Riconoscimento debiti fuori bilancio;

4) Dissesto finanziario – comunicazioni

venerdì 27 dicembre 2013

Comitato riapertura SP 25. Sabato tutti in Piazza Prefettura per un importante sit-in di protesta "Restare tutti uniti per non rimanere isolati"

La strada provinciale 25 e’ una arteria di fondamentale importanza per noi cittadini che viviamo ed operiamo nei comuni di Albi (san Giovanni), Magisano (san Pietro e Vincolise), Sellia, Taverna e Zagarise, che ci permette di raggiungere in meno di un quarto d’ora la citta’ di Catanzaro. La sua chiusura a seguito dei danni riportati nel corso degli eventi alluvionali dello scorso mese di novembre sta mettendo in ginocchio la gia’ fragile economia locale’ e sta creando notevolissimi disagi per l’accesso ai principali servizi pubblici (sanitari e scolastici in primis). I percorsi alternativi per raggiungere la citta’ di Catanzaro (s.p. 13 e s.s. 109) oltre ad avere un tempo di percorrenza triplicato sono a loro volta insicuri e fortemente danneggiati. Da approfonditi studi effettuati da tecnici incaricati dal nostro comitato e’ emerso che con un intervento fra i 150 ed i 200 mila euro e’ possibile riaprire al traffico in poche settimane e con la giusta sicurezza i tratti di strada interessati dai danni (300 metri circa su 12 km!!!). Sccessivamente potrebbero avviarsi i lavori per un eventuale ed auspicabile spostamento del tracciato dal letto del fiume che comunque necessiterebbero di un forte investimento economico e diversi anni per l’esecuzione dei lavori. Il tessuto economico e sociale del nostro territorio non resisterebbe! Consapevoli delle difficolta’ economica dell’ente gestore, la provincia di Catanzaro, siamo disponibili ad autotassarci per finanziare i primi lavori di ripristino in sicurezza della strada in attesa dei piu’ importanti e definitivi interventi. Cio’ che non consentiremo saranno le lungaggini burocratiche ed il rimpallo di responsabilita’Pretendiamo che la stessa rapidita’ con la quale si stanno eseguendo i lavori di messa in sicurezza dell’acquedotto che approvvigiona la citta’ di Catanzaro e che passa sotto i tratti di strada danneggiati sia impiegata per la riparazione della strada stessa! Nell’attesa di conoscere i risultati del tavolo tecnico che subito dopo le ...

mercoledì 25 dicembre 2013

Buon Natale 2013 da parte di Sellia racconta il comprensorio

 

Vorrei farvi un piccolissimo ma molto particolare come regalo. Un regalo da dedicare a tutti i cari affezionati amici lettori del blog che quotidianamente ci fanno visita,  spesso  lasciando le proprie tracce anche con un commento. Il mio piccolissimo regalo per questo Natale 2013 (che poi è preciso identico a quello fatto nel 2012) è augurarvi a tutti di cuore che possiate viverlo serenamente con i vostri cari in famiglia, osservandolo però sotto una prospettiva diversa, osservandolo con gli occhi di un bambino si! di un bambino dell'asilo o dei primi anni della scuola elementare, vivendolo cosi nel modo più bello che lo si possa vivere; con l'innocenza,con la meraviglia, con la purezza. Senza malizia, senza opportunismo, senza avidità.

Soffermandoci per un po’ sulla figura del Bambinello riposto nella mangiatoia del nostro presepe, quel bambino che nasce per noi, quel bambino che dovrebbe rinascere dentro di noi ..........

lunedì 23 dicembre 2013

Sersale sotto l'albero di natale trova un bel regalo da 1 milione di euro per il completamento del lotto stradale Sersale/Cropani

L’amministrazione comunale di Sersale comunica che sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Speciale, n. 146 del 13/12/2013 e sui siti istituzionali degli enti coinvolti, è stato pubblicato il bando di gara relativo ai “lavori di completamento e di adeguamento del lotto Sersale-Cropani”, nel tratto finale San Lorenzo - cimitero di Cropani. I lavori saranno realizzati grazie ad un finanziamento di € 1.000.000,00 ottenuto dalla Provincia di Catanzaro, dal Comune di Sersale e dal Comune di Cropani, con il "Pisl Network Roads" (Por  Calabria  FERS  2007/2013). La scadenza per la partecipazione alla gara è fissata per le ore 12.00 del 13/01/2014. Inoltre, nei primi mesi del prossimo anno saranno affidati i lavori di adeguamento e miglioramento dell’intero tracciato, in particolare nella parte iniziale posta all’ingresso dell’abitato di Sersale, grazie al recupero delle  economie, già autorizzato dalla Regione Calabria, provenienti dalla gara d’appalto, per circa € 2.500.000,00. “Il grande impegno profuso dall’amministrazione comunale di Sersale – prosegue la nota - che ha trovato nella Provincia di Catanzaro un efficace e serio interlocutore, sarà, quindi, premiato dalla ultimazione del lotto che già con la sua parziale realizzazione, ha migliorato enormemente la percorribilità di una strada prima caratterizzata da curve e tornanti e che ora si presenta con una andamento scorrevole e comodo. Il più grande investimento nel comprensorio negli ultimi 70 anni è stato reso possibile dall’impegno e dalla serietà della Provincia di Catanzaro e dei suoi Presidenti Michele Traversa e Wanda Ferro che hanno mantenuto fede agli impegni assunti con la comunità sersalese e con l’amministrazione comunale di Sersale, a guida Vera Scalfaro e Salvatore Torchia, che alla sua realizzazione hanno dedicato attenzione, impegno e dedizione.   Nei prossimi mesi, inoltre, grazie all’attività che sta portando avanti il Settore Grandi Opere della Provincia di Catanzaro, diretto dall’Ing. Floriano Siniscalco, vedranno la soluzione anche le problematiche relative al lotto Cropani-SS 106 e finalmente potremo vedere completata l’intera opera che accorcerà notevolmente i tempi di percorrenza fino alla SS 106 e costituirà un volano formidabile, più di quanto già avviene, per la crescita sociale, turistica ed economica dei nostri territori. Esprimiamo, dunque, ancora una volta, la nostra soddisfazione per avere contribuito alla realizzazione di un grande sogno, alla realizzazione di una opera che, come abbiamo sempre detto, consegnerà alla storia l’amministrazione comunale di Sersale, a guida Vera Scalfaro e Salvatore Torchia, per la serietà, la sagacia e l’impegno con i quali hanno sollecitato e sostenuto, sin dal primo giorno, e per tutti i giorni, la ...

domenica 22 dicembre 2013

belle Poesie sul natale



        NINNA NANNA DI NATALE 
Dorma, billizza mia, dorma e riposa,
chiuda 'a vuccuzza chi para 'na rosa,
 dorma squietatu, cà ti guardu iu, zuccaru miu!
 Dorma e chiuda l'occhiuzzu tunnu tunnu,
 ca' quannu duormi tu, dorma lu munnu;
 dorma lu mari, dorma la timpesta, dorma lu vientu, dorma la furesta.
 U suonnu è jutu a còglieri jurilli, pi fari 'na curuna a 'sti capilli,
 e 'sta vuccuzza 'i milu cannameli, t'unta c'u meli.
Cu n'acu mmanu, è jutu supr'a luna, a cùsiri li stilli ad una ad una;
 pua ti li minta 'ncanna pi jannacca, e cci l'attacca.   
poesia in dialetto calabrese di Vincenzo Padula     

             VORREI.....
Vorrei un Natale meno appariscente,
meno sfavillante,
meno roboante.
Un Natale silenzioso e piu' presente,
che desse peso all' essenza
e non all' apparenza.
Vorrei meno chiasso e meno baldoria,
meno luccichio e meno io - io .
Un Natale in cui si riflettesse,
e meno si ciarlasse,
di cose senza senso
tanto per parlare,
che servono solo a bloccare il cuore
senza farlo respirare.
Vorrei un Natale silenzioso,
che aiutasse tutti a capire,
che la vera essenza delle cose
risiede nell' essere
e non nell' apparire.
Anna Maria Corea

A GESU' BAMBINO
                A GESU' BAMBINO
A GESU' BAMBINO
La notte è scesa e brilla la cometa che ha segnato il cammino.
Sono davanti a Te, Santo Bambino!
Tu, Re dell’universo, ci hai insegnato che tutte le creature sono uguali,
 che le distingue solo la bontà, tesoro immenso, dato al povero e al ricco.
Gesù, fa' ch'io sia buono, che in cuore non abbia che dolcezza.
 Fa' che il tuo dono s'accresca in me ogni giorno e intorno lo diffonda,
 nel Tuo nome.
 Umberto Saba


sabato 21 dicembre 2013

SP 25 ARSANISE-CATANZARO Il Prefetto di Catanzaro ha ricevuto i vari amministratori impegnandosi per la sua riapertura

riceviamo e pubblichiamo

Questa mattina,( ieri ndr)  nella sede della Prefettura diRaffaele Cannizzaro _Prefetto di Catanzaro Catanzaro, i sindaci del comprensorio presilano, in particolare il sindaco di Albi, Giovanni Piccoli, il sindaco di Zagarise, Pietro Raimondo, il sindaco di Magisano, Totò Lostumbo, il sindaco di Taverna, Eugenio Canino, il vicesindaco di Sorbo, Marcello Aldo Infelise, l’assessore di Pentone, Sergio Rocca, e il Commissario del Comune di Sellia, Luisa Rotundo, sono stati ricevuti dal Prefetto di Catanzaro, Raffaele Cannizzaro, per prospettare in termini risolutivi la questione relativa alla riapertura della SP 25 Arsanise-Catanzaro, andata completamente distrutta a seguito del nubifragio accaduto nei giorni 18 e 19 novembre 2013. Nel corso dell’incontro, dopo averne evidenziato la problematicità, i sindaci hanno richiesto con forza la necessità di trovare, innanzitutto e per quanto possibile, una soluzione tecnica e un intervento che consenta un immediato ripristino della viabilità, oltre a reclamare la messa in sicurezza della SP 25. Il Prefetto Cannizzaro, accogliendo le istanze e comprendendo bene le aspettative avanzate dalle comunità colpite, ha comunicato ai presenti di convocare in Prefettura, entro le prime settimane del prossimo mese di gennaio, un tavolo allargato ai componenti della Provincia di Catanzaro, che ad oggi, purtroppo, non si è ancora espressa sulla formulazione di una soluzione concreta da mettere in campo, e ad una rappresentanza della Regione Calabria. Il sindaco di Zagarise, Pietro Raimondo, insieme a quello di Taverna, Eugenio Canino, alla presenza del Prefetto e degli altri colleghi sindaci, si sono impegnati a presentare una o più alternative tecniche praticabili. Contestualmente, i due sindaci hanno anche dichiarato di mettere gratuitamente a disposizione dei propri tecnici di fiducia che, nell’occasione, proporranno e spiegheranno la fattibilità degli interventi risolutivi. Gli stessi, inoltre, hanno dichiarato che saranno prese in seria considerazione tutte le proposte tecniche che verranno sottoposte loro da gruppi di interesse, cittadini e comitati pro-riapertura della SP 25, cui gli amministratori locali hanno rivolto un particolare ringraziamento per il contributo offerto in questa battaglia comune, affrontata con la massima attenzione dagli stessi primi cittadini. Intanto, questa sera, (ieri ndr) alle ore 18, ad Albi, il Sindaco Gigi Piccoli ha convocato un

venerdì 20 dicembre 2013

L’acqua bene di tutti! Mobilitazione regionale domani 21 dicembre per chiedere la ripubblicizzazione del servizio idrico Integrato Perché si scrive acqua, ma si legge democrazia!

riceviamo e pubblichiamo
Nonostante il referendum del 2flyer-A5_web011 “2 sì per l’Acqua Bene Comune” (27milioni di voti, 800mila dalla Calabria), ancora si cerca in tutti i modi di non rispettare la volontà popolare. Nel 2012, per aggirare l’obbligo di non trarre profitto dall’acqua, l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ha deliberato un metodo tariffario “transitorio”, valido anche nella nostra regione, cui si è opposto il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua (ricorso TAR Lombardia 579/2013). A breve la sentenza, intanto la Sorical SpA sta inviando a tutti i comuni calabresi la “letterina di Natale” comunicando alle amministrazioni che le tariffe idriche verranno incrementate di diversi punti percentuale (il comune di Gioiosa Ionica, per esempio, avrà un aumento del 13%!). L’8 luglio 2013, dopo aver denunciato per anni le storture del sistema nella nostra regione, il Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica ha presentato, con 11mila adesioni, una proposta di legge regionale d’iniziativa popolare per far rispettare l’esito referendario in Calabria:
  • la gestione del servizio idrico integrato deve essere sottratta al principio della libera concorrenza, e realizzata senza finalità lucrative;
  • ciò non può accadere se non tramite l’affidamento diretto ad un’Azienda Speciale di diritto pubblico;
  • grande partecipazione dei cittadini e dei lavoratori del servizio idrico nella pianificazione, programmazione, gestione e controllo di quest’azienda;
  • in ogni caso deve essere garantita a chiunque la fornitura del quantitativo minimo vitale, individuato in 50 litri a persona.
Lo Statuto Regionale prevede che la

giovedì 19 dicembre 2013

Zagarise: “Natale in Borgo 2013” tanti i vari appuntamenti varati dall’amministrazione comunale con le giornate della Community

programma NATALE IN BORGO 2013

riceviamo e pubblichiamo

Nonostante il difficile momento che il nostro Paese sta vivendo in questo particolare periodo, è partita con il piede giusto la nuova edizione di “Natale in Borgo 2013” del Comune di Zagarise che, insieme alla fattiva collaborazione delle associazioni del suggestivo borgo posto alle porte della Sila c< Digimax U-CA 5, Kenox U-CA 5 / Kenox U-CA 50 >atanzarese, ha dato un particolare significato al nuovo programma di feste e incontri. “Le Giornate della Community” saranno il leitmotiv della rassegna di appuntamenti che gli assessori Adele Guzzetti, con delega alla Cultura, e Gianfranco Timpano, con delega al Bilancio, hanno allestito insieme a ben 14 associazioni presenti sul territorio zagaritano. Dopo i tradizionali mercatini natalizi e l’accensione di un bell’albero addobbato a festa, dove la musica e i balli popolari l’hanno fatta da padrone, il prossimo 20 dicembre si festeggerà la fine della stagione autunnale con i tradizionali giochi popolari e tanti momenti d’intrattenimento per bambini, veri protagonisti di questa significativa festa dell’anno. Tanti saranno anche i momenti culturali programmati, con presentazione di libri e rappresentazioni teatrali, proiezioni di film e musical. “C’è entusiasmo tra i nostri concittadini per quanto siamo riusciti a programmare per queste festività natalizie – ha dichiarato l’assessore Timpano –. Specie se consideriamo che, oltre l’apprezzatissimo contributo delle tante associazioni del nostro territorio e di quanti aderiscono a queste significative realtà, non è stato affatto semplice per la nostra Amministrazione ritrovare tra le misurate economie delle casse comunali il giusto contributo che garantisse alle comunità di Zagarise e dell’hinterland un calendario di attività di siffatta varietà e qualità. A tal proposito, voglio ringraziare pubblicamente il nostro Sindaco per aver dato ampio mandato alla sua Giunta di operare in favore di una programmazione che considerasse le esigenze di tutte le fasce d’età”. Proprio in funzione dell’importante lavoro e sostegno che le associazioni offrono sul territorio zagaritano, l’Amministrazione Comunale celebrerà con un’apposita manifestazione tutti gli organismi sociali che hanno collaborato alla realizzazione di questa edizione di Natale in Borgo. Il prossimo 5 gennaio 2014, infatti, nel programma delle Giornate della Community, presso il Palatenda di Zagarise, si terrà la Giornata del Riconoscimento in favore di: Pro Loco, Centro Comunale per …

mercoledì 18 dicembre 2013

A TORINO MANIFESTAZIONE DEDICATA A SERSALE E AI SERSALESI!

riceviamo e pubblichiamo
Si è svolta giorno 15 dicembre c.m a Torino una manifestazione celebrativa e di incontro per tutti i sersalesi che vivono a Torino e dintorni, organizzata dal presidente dell'Associazione “MADRE EROICA CARMELA BORELLI” Torchia Franco.
imageOltre alla massiccia partecipazione di circa 150 persone, alla manifestazione erano presenti il Consigliere Regionale Regione Piemonte l'Avvocato Alberto Goffi, che oltre a salutare i presenti e l'associazione, si è impegnato a visitare la cittadina della presila catanzarese e le sue meraviglie naturali, e il Sindaco di Sersale L'avvocato Salvatore Torchia, che oltre a battezzare l'associazione ha consegnato al presidente Torchia una targa ricordo e un quadro raffigurante la prima pagina del IL MATTINO ILLUSTRATO che racconta il gesto Eroico di Carmela Borelli, che perse la vita per salvare i propri figli in una tempesta di neve. Dopo i vari interventi gli ospiti della manifestazione sono stati intrattenuti dalla Signora Antonietta Talarico che leggendo una poesia dedicata a Sersale della poetessa Zappalà Filomena, creando un momento di grande emozione per tutti i presenti.
Inoltre la manifestazione è stata

martedì 17 dicembre 2013

Brucia l’auto dell’assessore “Mi aveva promesso un posto di lavoro”

incendia quattro automobili tra cui quella di un assessore comunale di Botricello,  colpevole (a suo dire) di non aver mantenuto la promessa di dargli un posto di lavoro.

Fonte della foto- Il

Ha incendiato quattro automobili tra cui quella di un assessore comunale di Botricello (Catanzaro) che, a suo dire, non aveva mantenuto la promessa di dargli un posto di lavoro. Con l'accusa di danneggiamento i carabinieri della Compagnia di Sellia Marina hanno denunciato un giovane. Con i proprietari delle altre vetture, secondo quanto ha riferito il ragazzo ai carabinieri, c'erano vecchi rancori. Da uno di questi il ragazzo, tra l'altro, vantava un credito per alcuni lavori.

Nello specifico, il giovane ha ammesso le proprie responsabilità una volta posto davanti ai risultati investigativi. Ai militari ha raccontato di avere incendiato le quattro autovetture per alcuni rancori covati nei confronti dei rispettivi proprietari. Per quanto riguarda l’assessore, il giovane ha affermato di avere agito dopo avere ottenuto una promessa per un posto di lavoro che non sarebbe, però, mai arrivato.  Rancori di vario genere lo avrebbero, invece, spinto ad agire anche nei confronti degli altri proprietari, compreso un vantato credito per alcuni lavori svolti e che non sarebbero stati completamente saldati. Le generalità del giovane denunciato non sono state rese note per evitare ulteriori conseguenze. D’altronde, gli incendi delle quattro autovetture, a distanza di pochi …

lunedì 16 dicembre 2013

Per i sindaci della presila catanzarese la riapertura della SP 25 è una priorità assoluta.

riceviamo e pubblichiamo

 

PIETRO RAIMONDO

Alcuni sindaci del comprensorio presilano catanzarese si sono riuniti venerdi scorso, presso il palazzo municipale di Taverna (CZ), per affrontare nuovamente in modo unitario e determinato la questione relativa alla riapertura della SP 25 Arsanise-Catanzaro, andata per gran parte distrutta a seguito del violento nubifragio del 18 e 19 Novembre 2013. All’incontro erano presenti i sindaci di Taverna, con Eugenio Canino, di Albi, con Giovanni Piccoli, di Zagarise, con Pietro Raimondo, insieme al consigliere comunale del Comune di Magisano, con Franco Cristofaro, e il vicesindaco del Comune di Sorbo, con Marcello Aldo Infelise. La chiusura forzata della suddetta strada sta provocando grave disagi alle popolazioni della fascia presilana che, per recarsi nella città capoluogo, debbono utilizzare la vecchia Nazionale con tempi di percorrenza raddoppiati, oltre gli enormi disagi per quanti sono costretti a recarsi quotidianamente nelle strutture sanitarie, tutte collocate nel capoluogo. Il pensiero degli amministratori è rivolto, infatti, verso tutti i soggetti diabetici, i dializzati, i malati oncologici e quanti hanno bisogno di speciali cure, ma anche ai tanti lavoratori e studenti che, in questo particolare momento di crisi, con le difficoltà indotte dalla chiusura di questa strada provinciale, subiscono ulteriori danni. Al termine della partecipata riunione, e sulla scorta di quanto già prodotto, i sindaci e gli altri rappresentanti riuniti si sono determinati per la costituzione immediata di un tavolo di crisi permanente. È stata fissata già per oggi lunedì la prima data utile per la sottoscrizione di una proposta di intervento che dovrà coinvolgere tutti i tavoli e i livelli istituzionali, con l’immediato coinvolgimento dell'autorità prefettizia per la risoluzione di un problema non più rinviabile. La proposta prevede due livelli di intervento: innanzitutto, si richiede che nel breve periodo si verifichi l'immediato ripristino del tracciato originario con opere anche provvisionali al fine di garantire la percorribilità del tratto stradale; successivamente, in un ragionevole periodo medio-lungo, il livello d’intervento dovrà riguardare la definitiva realizzazione della rete viaria deviando il tracciato, qualora fosse ritenuto opportuno, onde consentire finalmente il ritorno ad una giusta vivibilità di un territorio ricco di storia e di potenzialità ambientale, oggi fortemente condizionato dalla chiusura della SP 25. La determinazione delle amministrazioni locali, impegnate in ogni caso nell'interesse esclusivo delle popolazioni che …

venerdì 13 dicembre 2013

Oggi a Zagarise farà tappa l'iniziativa comunitaria “WE ARE WHAT WE EAT”

riceviamo e pubblichiamo
da sinistra M.A.Gagliardi_A.Carlomagno_A.Catalano

Farà tappa a Zagarise (CZ),  oggi venerdì 13 dicembre 2013, dalle ore 9.30 alle ore 17.30, presso il Centro d’Informazione Turistica, il progetto comunitario MedDiet denominato “We are what we eat”. Ad illustrare l’importante iniziativa (siamo ciò che mangiamo, ndr) è il Consigliere Nazionale dell’Associazione Citta dell’Olio e Assessore del Comune di Zagarise, Andrea Catalano. “MedDiet è un progetto sostenuto dall’Unione Europea con un finanziamento complessivo di 5 milioni di euro e prevede una durata triennale che coinvolge 6 Paesi del Mediterraneo (Italia, Spagna, Tunisia, Grecia, Egitto e Libano). Con Unioncamere capofila e l’Associazione Nazionale Città dell’Olio tra i principali partner italiani, il progetto ha l’obiettivo di creare occasioni di confronto e di approfondimento tra consumatori, soprattutto giovani, operatori del settore e semplici appassionati di food. Piazze reali o virtuali, dove realizzare esperienze e condividere i principi dello stile di vita mediterraneo, un insieme di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola”. Una vera e propria promozione della Dieta Mediterranea, riconosciuta Patrimonio Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO nel 2010, ma anche una valorizzazione dei prodotti tradizionali, che si articola in cinque grandi eventi nazionali, programmati in altrettante regioni d’Italia, e in un’azione di formazione nelle scuole. L’istituto scolastico di Zagarise, indicato dal Coordinamento Regionale delle Città dell’Olio, che premia la fattiva collaborazione che hanno sempre garantito sia l’Amministrazione Comunale che la dirigenza scolastica, sarà una delle 10 scuole italiane interessate al progetto di educazione alimentare. Il progetto prevede due fasi, una iniziale di formazione rivolta esclusivamente alla dirigenza scolastica e al corpo docente, e una successiva diretta alle scolaresche. Non è casuale il titolo del progetto MedDiet, cioè Mediterranean Diet and Enhancement of Traditional Foodstuff, che tradotto significa letteralmente “dieta mediterranea e valorizzazione prodotti alimentari tradizionali”. Naturalmente, il tutto va inserito in un circolo virtuoso che non può prescindere dal paesaggio olivicolo e dalle tipicità della tradizione culturale mediterranea, come la....

giovedì 12 dicembre 2013

Un nervoso Scopelliti attacca i giornalisti " Riempite le pagine di Caz..te"


Un nervosissimo governatore se la prende con i media («riempite le pagine di cazzate») e con la Commissione parlamentare («come hanno scelto chi invitare?»). Intanto festeggia il passaggio di Mirabelli dall'opposizione alla maggioranza

 

Doveva essere un pomeriggio di euforia e gioia, la presentazione del Nuovo centrodestra, l’entusiasmo nei confronti del nuovo partito, la soddisfazione per le adesioni e i proclama per il futuro, sempre solido, della legislatura a trazione scopellitiana. L’aula Levato del consiglio regionale si è trasformata invece in un pulpito dal quale il governatore ha messo in evidenza la sua insofferenza verso la stampa, Rosy Bindi e il Pd nel suo complesso.
Il motivo è presto detto: a Scopelliti la due giorni reggina della commissione Antimafia non è proprio andata giù. Non gli è piaciuto il modus operandi tenuto dalla Bicamerale, né la lista degli “invitati” alle audizioni. Soprattutto, non ha digerito il modo in cui i giornali hanno raccontato quanto avvenuto all’interno del Palazzo della Prefettura. Sale sul piedistallo, il presidente della Regione, a spiegare agli operatori dell’informazioni quali sono «le vere notizie», quali sono «i titoli» giusti di apertura per i quotidiani. Si infervora, alza la voce, poi spara: «Voi riempite i giornali di cazzate».
 Tutto parte dalle considerazioni sulla riunione della commissione Antimafia a Reggio e sulle affermazioni di Rosy Bindi, che ha accusato il governatore di non conoscere i veri mali della sua terra. «Conosco bene la Calabria – attacca –. Difendo i calabresi e denuncio una passerella vergognosa, dove è stato invitato un prete (il riferimento è a Giovanni Ladiana di Reggio non tace, ndr) che aveva insultato la memoria del giudice Scopelliti». Sua figlia, la deputata Rosanna «si è alzata disgustata e ha lasciato la commissione». «Qualcuno deve spiegarci – continua il governatore – perché alcune associazioni sono state invitate e altre no».
Poi il j’accuse nei confronti di un «personaggio», audito dalla Bicamerale, che compare «in tre pagine della relazione della commissione d’accesso di Reggio». Secondo Scopelliti, è «inquietante» che i giornali, anziché mettere in risalto questo aspetto, abbiamo deciso di titolare, tutti, sulle parole della Bindi. «Vedete tutte queste cose e non le mettete in risalto», dice – quasi fuori di sé – rivolto ai giornalisti. «La notizia non è che Scopelliti non conosce la Calabria, perché io la conosco molto meglio della ...

mercoledì 11 dicembre 2013

Dichiarazione del sindaco di Zagarise Pietro Rimondo sulla spinosa vertenza dei lavoratori LSU-LPU che oggi si mobilitano per rivendicare ( per l'ennesima volta) la loro stabilizzazione

riceviamo e pubblichiamo

Riguardo le iniziative di mobilitazione di molti lavoratori calabresi, che si terranno domani (oggi ndr) in molte città della nostra regione, decise per rivendicare la stabilizzazione e lo svuotamento del bacino LSU- LPU e di tutti gli operatori appartenenti allo storico precariato istituzionalizzato, interviene il Sindaco di Zagarise, Pietro Raimondo: “Come cittadino della grande comunità calabrese e nella qualità di sindaco, che usufruisce del prezioso lavoro di soggetti storicamente precari della pubblica amministrazione, chiedo a chi rappresenta questa meravigliosa terra di Calabria di attuare un maggiore e risolutivo impegno nei confronti di questi particolari lavoratori. Con il loro contributo quotidiano le amministrazioni pubbliche riescono a ottemperare molti dei compiti che le sono riservati. È giunto il momento di restituire loro la dignità e la speranza di un futuro migliore, per se e per le proprie famiglie. Chiudiamo definitivamente questa ingiustificabile condizione e .....

martedì 10 dicembre 2013

Primarie PD Boom di votanti nella presila Catanzarese soprattutto a Sersale.

A Sersale hanno partecipato alle primarie 500 persone (circa un quarto della popolazione dei votanti) con 474 preferenze per Renzi – 16 per Civati – 10 per Cuperlo.Numeri decisamente più bassi a Sellia dove Renzi ha raccolto 36 preferenze – 6 Civati – 3 Cuperlo. Anche nella città capoluogo vince Renzi 
in tutti i seggi: nel seggio Nord stravince con 186 voti, Cuperlo 66, Civati 39; in quello di Santa Maria successo ancora più ampio con 272 voti, secondo Civati con 54; nel seggio del centro 487 Renzi, secondo ancora Civati con 145, Cuperlo 113. Sono oltre ottantamila le persone che hanno votato in Calabria per le primarie di domenica, le quali oltre che per il segretario nazionale, il voto varrà anche per 27 componenti calabresi dell'Assemblea nazionale. In Calabria  sono i fase di chiusura iconteggi per capire chi occuperà uno dei 27 posti riservati a questa regione nel parlamentino democratico . Partendo dal collegio di Catanzaro-Crotone è sicuro di un posto (in quota Renzi) il sindaco di Crotone Peppino Vallone. Assieme al primo cittadino del capoluogo pitagorico ci sarà Serenella Caristo, medico e moglie del consigliere regionale Vincenzo Ciconte. E poi ancora Franco Esposito, che è uno dei più stretti collaboratori di un altro consigliere regionale del Pd, Antonio Scalzo, e Anna De Fazio, figlia di uno dei principali assistenti del capogruppo democratico a Palazzo Campanella, Sandro Principe. L'unico seggio assegnato dall'area Cuperlo se l'è aggiudicato il capolista Francesco Sulla, che rappresenta il Pd nell'ufficio di presidenza del consiglio regionale. In questo collegio restano ….

domenica 8 dicembre 2013

Cosa si festeggia l'8 dicembra ? Vangelo della solenne festa dell'Immacolata Concezione

Già celebrata dal sec. XI, questa solennità si inserisce nel contesto dell’Avvento-Natale, congiungendo l’attesa messianica e il ritorno glorioso di Cristo con l’ammirata memoria della Madre. In tal senso questo periodo liturgico deve essere considerato un tempo particolarmente adatto per il culto della Madre del Signore. Maria è la tutta santa, immune da ogni macchia di peccato, dallo Spirito Santo quasi plasmata e resa nuova creatura. Già profeticamente adombrata nella promessa fatta ai progenitori della vittoria sul serpente, Maria è la Vergine che concepirà e partorirà un figlio il cui nome sarà Emmanuele. Il dogma dell’Immacolata Concezione fu proclamato da Pio IX nel 1854.

                                               Dal Vangelo secondo Luca
Lc 1, 26-38
In quel tempo, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta

sabato 7 dicembre 2013

"Catanzaro verrà sommersa dal mare" titolo di un ignobile gruppo su facebook che inneggia l'odio verso la Calabria. Presentata ieri una denuncia con un risarcimento per danni morali da 1milione di euro da devolvere alle famiglie alluvionate

 
E’ stata depositata stamane (ieri ndr) la denuncia-querela presentata da Corrado Didonna, presidente del Circolo Il Rinnovamento, presso gli Uffici della Procura della Repubblica di Catanzaro, con la quale ha chiesto all’Autorità giudiziaria di individuare e perseguire a norme di legge gli ideatori e amministratori del gruppo di facebook che porta il titolo “Catanzaro verrà sommersa dal mare”.
“Ringrazio pubblicamente i tanti attestati di sostegno provenienti da associazioni, circoli e singoli cittadini dell’intera regione che – dichiara lo stesso Didonna - hanno risposto in modo sincero ed appassionato all’appello lanciato in settimana di aderire all’iniziativa legale promossa unitamente all’avv. Sabrina Rondinelli, noto ed apprezzato penalista catanzarese” che ha raccolto immagini e commenti presenti sul gruppo oggetto della denuncia e ha fatto sì che la querela fosse composta di tanti elementi di prova utili ad indirizzare le indagini per il tramite del nucleo di Polizia delle comunicazioni.
Nell’atto di querela si precisa chiaramente che qualora vengano individuati i responsabili verrà richiesto a loro un risarcimento per i danni morali e d’immagine di un milione di euro che Didonna, insieme alla Rondinelli, devolveranno alle famiglie ed alle aziende colpite dagli ultimi eventi calamitosi del 19 novembre scorso e per ultimo del primo dicembre
“Con questo gesto – aggiunge Didonna - vogliamo lanciare due forti segnali; in primis internet ed i social network non devono ....

venerdì 6 dicembre 2013

Oggi San Nicola protettore di Sellia riproponiamo il racconto dal titolo: Il miracoloso intervento del nostro amato protettore San Nicola nel salvare gli abitanti di Sellia dal rovinoso alluvione del 1943

  1943/2013 sono passati 70anni da quando il borgo di Sellia perse tanti reperti del suo glorioso passato. 
Per la festa del Santo patrono riproponiamo il suggestivo racconto del suo miracoloso intervento verso la popolazione Selliese
Pioveva da una settimana la mattina ti alzavi che pioveva ti coricavi ed ancora pioveva per poi iniziare di nuovo
Non si poteva svolgere nessun lavoro nei campi, la terra era inzuppata ,usciva acqua da tutte le parti. Il centro storico(già fortemente provato dai vari cataclismi) iniziò a franare. Una grossa frana stava lesionando sempre più le case rendendole di fatto pericolose anche se molte persone continuavano ad abitarci perché non sapevano proprio dove andare. Passavano i giorni ma pioveva sempre, così si decise di portare fuori in processione la statua di San Nicola ,in Chiesa si radunò quasi l’intera popolazione ed in processione sotto una pioggia sempre insistente girarono tutto il paese ma non smise di piovere anzi a tratti sembrava che l’acqua “a jettavanu a cati cati” ormai il corteo era arrivato in piazza la Statua di San Nicola riparata con un tetto di tavole fatto per l’occasione era anch’esso inzuppato , proprio all’entrata della chiesa si decise di fare un canto in onore del Santo molti ancora speravano che spiovesse altri rassegnati dicevano” puru santu Nicola nabbannunau”. Cantavano, cantavano tutti incuranti, di essere zuppi d’acqua sino al midollo; mentre giravano la statua per farla entrare ecco che un timido raggio di sole uscì tra le nuvole dopo un po’ smise di piovere tutti gridarono al miracolo intonando lodi e preghiere, si porto il tavolo per far adagiare la statua fuori e così rimase per l’intera giornata. Non pioveva più roba da non credere scendeva una foschia sul borgo ma non pioveva più, neppure una goccia, le case erano state duramente colpite molte presentavano visibilmente delle crepe ai muri nelle quali  ci potevi infilare una mano altre iniziavano con i primi cedimenti di tegole o intonachi , la paura era tanta sembrava che tutte le case del paese alla fine sarebbero franate, alcune case scivolarono “sutta u castellu” . Una donna molto devota, e molto stimate del paese aveva avuto un sogno dove vide chiaramente  San Nicola mentre teneva con una mano Sant'angelo e con l'altra Ruscia,avvisandola che molte case sarebbero cadute ma nessuno neanche un animale sarebbe morto. Raccontò tutto all'arciprete il quale conoscendola per la  sua forte fede decise di rendere pubblico il sogno, durante l'omelia Domenicale molti non credettero al sogno disperati,scoraggiati che tutto il paese sarebbe destinato a franare,addirittura il priore dalla congrega dell'Immacolata  propose di spostare le varie statue,paramenti sacri ecc..  costodite nelle due Chiese portandole in qualche posto più sicuro perché temevano che anche le Chiese potessero franare. Si viveva nel terrore, nella paura che ....

giovedì 5 dicembre 2013

La storia travagliata della strada "Bivio Arsanise/Catanzaro" Sellia Racconta il Comprensorio citato da un specifico articolo sul Quotidiano della Calabria (uscito ieri) rimane sempre in prima linea nel sperare una seria risoluzione del problema



Sopra l'articolo uscito ieri sul quotidiano della Calabria dove viene citato anche il nostro blog Sellia Racconta il comprensorio.
             A seguire  la storia della strada "Arsanise/Catanzaro" SP25 

La strada Bivio Arsanise/Catanzaro ultimata negli anni 80 dopo varie verifiche negative di staticità  che ne ritardarono la sua apertura ai veicoli, alla sua apertura  ridusse enormemente le distanze con il capoluogo il più delle volte dimezzandolo. Il tracciato della strada all’origine non era quello attuale ,esso si snodava molto più in alto, non scendendo mai a valle, dove esisteva il tracciato dell’acquedotto della diga Passante (in fase di ultimazione) che avrebbe portato l’acqua a molti quartieri di Catanzaro.
 La strada dell'Arsanise (  detta  anche strada Panoramica) all'inizio della sua progettazione che risale  alla fine degli anni settanta, come abbiamo detto  il suo tracciato originario doveva essere diverso. Poi, il Comune d Magisano che fu l'ideatore di questo progetto attraverso il forte interessamento dell'allora Vice Sindaco avvocato Lia amico fraterno dell'allora ministro dei LL.PP. Giacomo Mancini, si accorse che il finanziamento concesso, non era sufficiente e, attraverso un accordo con la Cassa del Mezzogiorno si decise l'attuale tracciato sfruttando la strada dell'acquedotto . Insomma doveva venire una signora strada sicura e lontana da qualche probabile tracimazione del fiume Alli. Ma come succede quasi sempre i soldi piano piano sparirono e si decise di far scendere il tracciato sino al fiume collegandosi con la strada dell’acquedotto e stringendo gli argini  con muri che in quei anni ,causa le scarse piogge, era divenuto un fiumiciattolo, ma chiunque avrebbe capito che alle prime vere piogge i muri  potevano anche cedere del tutto ma i soldi disponibili  diventavano sempre più pochi dunque …..