09.11.2009 - 09.11.2017.... da 8 anni insieme a voi. Auguri al nostro blog del Comprensorio

giovedì 30 aprile 2015

Simeri Crichi; nella seduta di ieri la giunta comunale approva la perizia suppletiva dei lavori di recupero del castelli Bizantino di Simeri, arriva un nuovo finanziamento che si aggiunge ai circa 900 mila euro ottenuti nel 2013

Castello bizantino di Simeri
Approvata la perizia suppletiva
 

Lavori castello Simeri
Nella seduta di oggi (ieri ndr) 29 aprile , la Giunta Comunale ha approvato la perizia suppletiva e di variante dei lavori di recupero e valorizzazione del castello bizantino, resisi necessari  anche a seguito delle problematiche relative alla scarpata a monte della strada d’accesso alla frazione Simeri, da mettere  in sicurezza, dopo le piogge torrenziali del  2013/2014.
La vice sindaco Caterina Falcone ha precisato che non si ha aumento di costo per la realizzazione degli importanti miglioramenti, finalizzati al mantenimento del bene e alla sua qualità culturale e architettonica, con la messa in sicurezza e il recupero delle emergenze venute alla luce in seguito a crolli e smottamenti.
La stessa assessora Falcone  -   all’unisono con i colleghi Rossella Riccelli, Adriana Maria Nagero e Antonio Domenico Zangari  -  ha ricordato che il 10 giugno del 2010 la direzione generale del Dipartimento Urbanistica della Regione Calabria, aveva sospeso l’appalto per mancanza di copertura finanziaria del Par Calabria Fas 2007/2013. Solo il 13 maggio 2013 il sindaco Marcello Barberio sottoscriveva l’Accordo di Programma Quadro per un finanziamento di 896.636,10 euro, in attuazione della delibera Cipe 89/2012, a sostegno dei progetti di riqualificazione dei centri storici calabresi.
Ora è possibile procedere alla realizzazione anche dei lavori evidenziati dal sopralluogo congiunto con le due Soprintendenze per i beni architettonici  e monumentali e per quelli archeologici.
Lo scorso mese di luglio il Dipartimento Urbanistica e Governo del territorio della Regione Calabria, in risposta all’apposita richiesta comunale, ha autorizzato la redazione della perizia per l’esecuzione dei lavori, per i quali sono stati acquisiti i pareri favorevoli (con prescrizioni) delle competenti Soprintendenze.La vice sindaco Falcone ha puntualizzato che, per effetto dei nuovi lavori, il termine di ultimazione dell’opera è prorogato di tre mesi, commentando positivamente il più volte ribadito parere del sindaco Barberio: “L’opera avrà ricadute positive sull’economia e sul processo di riappropriazione culturale dal basso, in un contesto ad alta vocazione turistica e a forte connotazione identitaria   - nonostante le criticità del momento storico  - , con una funzione anche di .....

mercoledì 29 aprile 2015

Presentato a Sellia Marina il libro “La fame negli occhi” di Michela Scalise di Sersale La Seconda Guerra mondiale vista dalla prospettiva di chi quel conflitto l’ha vissuta combattendo con le scarpe rotte

La Seconda Guerra mondiale vista dalla prospettiva di chi quel conflitto l’ha vissuta, combattendo con le scarpe rotte, rinunciando alla libertà ma non alla dignità. 

Nel giorno in cui si celebra il 70esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo, il Comune di Sellia Marina ha scelto di festeggiare la ricorrenza richiamando alla memoria le storie di 24 soldati della Presila catanzarese, proprio in virtù del principio che il 25 Aprile non deve essere vissuto come un rito ma come una occasione per trasmetterne la lezione alle future generazioni. Un’occasione rileggere pagine intense di una Guerra che ha cambiato le vite di quanti sono stati coinvolti, esaminare sentimenti di dolore e di speranza nei racconti di vita di soldati nella Presila Catanzarese nelle pagine del libro “La fame negli occhi” di Michela Scalise di Sersale.

Al tavolo dei relatori, la giornalista Maria Rita Galati che ha voluto mettere in evidenza la valenza delle interviste come documenti da consegnare alla memoria collettiva. Un dovere civico quello di ricordare quanti hanno dato la vita per la libertà e la democrazia del Paese richiamato dal sindaco di Sellia Marina, il consigliere provinciale Francesco Mauro, che con commozione ha ricordato alcune figure che hanno contribuito alla stesura del libro con le proprie storie. Mauro ha approfittato dell’occasione per ribadire la propria solidarietà al collega Domenico Gallelli, sindaco di Zagarise, presente all’incontro prima della manifestazione del Partito democratico organizzata nel comune della Presila alla presenza del presidente della Giunta Regionale Mario Oliverio.
Il sindaco Mauro ha portato anche i saluti del presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno. La presentazione del libro è stata introdotta da Pietro Mauro, presidente dell’Associazione culturale Trischene. Particolarmente apprezzato l'intervento dell'autrice, che ha efficacemente illustrato la strutturazione del volume, con una prima parte dedicata agli aspetti metodologici e a una personale lettura delle 24 testimonianze raccolte tra Sersale, Cerva, Petronà, Cropani, Sellia Marina, Pentone e Zagarise e una seconda parte in cui sono .... stati fedelmente riportati i racconti del periodo al fronte dei reduci della Presila intervistati.
La dottoressa Scalise ha spiegato che con il suo lavoro ha voluto raccontare “la Seconda Guerra mondiale da un'altra prospettiva, quella del soldato semplice”. Sul rigore metodologico nella ricerca e nella trascrizione delle testimonianze ha incentrato la sua relazione il dottor Antonio Garcea, direttore dell’Archivio di Stato di Catanzaro. Una lettura ulteriormente approfondita dal sociologo Franco Santopolo.

martedì 28 aprile 2015

La criminalità avanza. A Simeri Mare località "Chiusa" nella notte di domenica vengono bruciate due strutture turistiche in legno.

Due strutture in legno situate all'interno 

del villaggio turistico Simeri Village sono state 

distrutte da un rogo di natura dolosa



Due gazebo in legno situati all'interno del villaggio turistico Simeri Village sono stati distrutti da un incendio di natura dolosa. Il rogo e' avvenuto nella notte tra sabato e domenica, in localita' Chiusa di Simeri Mare, ma la notizia e' trapelata solo oggi. Le strutture erano situate a ridosso della spiaggia ed al momento dell'incendio erano utilizzate come depositi, mentre durante l'estate servivano per fornire servizi ai vacanzieri. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco ed i carabinieri della Stazione di Simeri Crichi e della Compagnia di Sellia Marina. Il villaggio e' di proprieta' di Italia Turismo Spa e fino alla scorsa estate e' stato gestito da una societa' del settore, mentre per l'ormai prossima stagione sono in corso le trattative per un nuovo affidamento. Sull'accaduto sono in corso le indagini da ......

lunedì 27 aprile 2015

Zagarise dice no! Alla paura delle intimidazioni. Il presidente Oliverio assieme a tanti sindaci del comprensorio vanno dal sindaco Domenico Gallelli dopo il vile gesto dell'auto incendiata.

Siamo qui, stasera, come rappresentanti delle istituzioni, dei partiti, delle forze sociali, della società civile per dire con  forza e determinazione che la violenza, l’intolleranza, le intimidazioni non passeranno”. Ha esordito così il presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, intervenendo ad una manifestazione svoltasi a Zagarise contro ogni tipo di violenza. “Quello di Zagarise -ha aggiunto Oliverio- è un comune che ha una storia gloriosa, una popolazione sana, onesta e laboriosa e, proprio per questo, ha al suo interno gli anticorpi necessari per respingere ogni tipo di pressione e per costruire legalità e trasparenza. Oggi in Calabria occorre costruire una nuova stagione della trasparenza e della legalità, chiudendo con il tempo della discrezionalità, delle inefficienze e delle pigrizie e mettendo in piedi un quadro di regole. Per fare questo è necessario un concorso di energie che veda tutti gli amministratori locali protagonisti e costruttori di una stagione nuova che metta da parte definitivamente la cultura della “pacca sulle spalle” e dei comparaggi e affermi un sistema di regole, attraverso cui passa la vera libertà e la vera dignità di ognuno di noi”“A Domenico Gallelli, giovanissimo sindaco di Zagarise e ai tanti sindaci presenti a questa bella manifestazione, di cui in questi mesi ho potuto apprezzare la passione e il disinteresse con cui esercitano le funzioni di amministratori –ha aggiunto il presidente della Giunta regionale- voglio dire di andare avanti senza cedimenti, senza paura, senza reticenze, facendo “squadra”, perché presto i risultati arriveranno e saranno copiosi.  La grande partecipazione dei cittadini alla manifestazione di stasera conferm
Zagarise (4)a che siamo sulla strada giusta. E questo lo diciamo anche per dire a coloro che pensano di intimidire i nostri rappresentanti istituzionali che sbagliano se pensano di dover a che fare con una sola persona e di poterla intimidire, costringendola a soddisfare le loro richieste. Zagarise sarà, insieme a tutti i comuni di questo comprensorio, un punto di forza nella costruzione del percorso che abbiamo davanti e la cui bussola dovrà essere la concertazione ed il confronto continuo. Anche per quanto riguarda l’utilizzo delle risorse provenienti dalla Unione Europea ci confronteremo per creare lavoro ed occupazione, per sostenere le imprese e per  ...........

giovedì 23 aprile 2015

Zagarise, Sellia racconta il Comprensorio esprime la massima cordialità e vicinanza verso il sindaco Domenico Gallelli per il vile gesto intimidatorio subito.

Solidarietà dal mondo politico e non solo per l’intimidazione subita dal sindaco di Zagarise Gallelli a cui è stata incendiata l’autovettura questa notte. Ecco alcuni messaggi.
Governatore Mario Oliverio - Il presidente della Regione, Mario Oliverio, ha espresso telefonicamente solidarieta’ e vicinanza al sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli, al quale la notte scorsa e’ stata incendiata la propria automobile. “Questo ennesimo, vile atto intimidatorio che ha colpito un giovane sindaco calabrese impegnato quotidianamente ed in prima linea nella difesa della legalita’ -ha detto Oliverio, commentando il grave episodio- si verifica a pochi giorni di altre minacce ed atti intimidatori rivolti nei confronti di amministratori calabresi e mostra una realta’ in cui amministrare e’ diventato sempre piu’ difficile e rischioso. Solo per ricordare qualche numero voglio segnalare il fatto che nella nostra regione sono stati oltre 80 gli atti intimidatori registrati nel 2014 e una quindicina gia’ nei primi quattro mesi del 2015. Un dato veramente allarmante, che indica in maniera chiara quali e quanti siano le pressioni a cui e’ sottoposto chi oggi amministra la cosa pubblica in Calabria. Come ho detto di recente a Roma, intervenendo sulle conclusioni della Commissione Parlamentare di inchiesta su questo preoccupante fenomeno, non possiamo e non dobbiamo abituarci alla normalita’ di questa dramma. E’ arrivato il momento, e ciascuno deve fare la propria parte, che il fenomeno venga assunto come una priorita’ assoluta, da combattere dove si manifesta. Non e’ piu’ possibile lasciare alla stanca ritualita’ del momento le migliaia di casi di attentati agli amministratori che, nonostante tutto, continuano a rimanere al proprio posto anche quando mettono a rischio la loro incolumita’ personale per rappresentare degnamente le loro comunita’. La sicurezza pubblica e’ un bene che ogni societa’ deve necessariamente garantire ai propri componenti e che costituisce un fondamentale presupposto del cosiddetto contratto sociale. Non c’ e’ piu’ tempo da perdere: occorre immediatamente costruire meccanismi di sicurezza e di democrazia in cui il cittadino possa riacquistare piena fiducia nelle Istituzioni, sostenendo queste ultime, agendo per aumentare la fiducia nella loro azione e rendendo sempre piu’ efficace la loro operativita’. In attesa che l’autore o gli autori di questo ennesimo atto intimidatorio vengano presto individuati e assicurati alla giustizia -ha concluso Oliverio- esprimo solidarieta’, amicizia e vicinanza al sindaco Gallelli e alla sua famiglia. Sono sicuro che il giovane primo cittadino di Zagarise non si lascera’ intimidire e non arretrera’ di un millimetro nella sua battaglia a favore della trasparenza e della legalita'”
Vicepresidente Regione Vincenzo Ciconte “Sono profondamente indignato per il vile gesto subito dall’amico Domenico Gallelli, giovane e qualificato Sindaco di Zagarise. Quanto accaduto questa notte colpisce non solo un valido amministratore ma l’intera comunità calabrese che vede, ancora una volta, un rappresentante istituzionale colpito nell’esercizio delle sue funzioni.
Non posso che esprimere la netta condanna per atti il cui unico obiettivo è di generare paura e di minare il comune senso del vivere civile.
All’amico Domenico Gallelli esprimo la mia più profonda solidarietà e la mia sincera vicinanza per lo spregevole atto subito, con la ferma convinzione che quanto accaduto non condizionerà la sua efficace azione amministrativa al servizio dei propri cittadini”.
Sindaco Sellia Marina: “A nome mio e dell’amministrazione comunale di Sellia Marina esprimo sentimenti di sdegno e condanna per il vile atto intimidatorio cui è stato vittima l’amico sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli”. E’ quanto afferma il sindaco di Sellia Marina, consigliere provinciale, Francesco Mauro.
“Il messaggio criminale è chiaro e mira a colpire i valori della democrazia e della sana politica – continua Mauro -. Un messaggio che acquisisce un significato ancora più allarmante visto che viene fatto alla vigilia della manifestazione ‘Libera Catanzaro’ di venerdì prossimo, a cui parteciperò con ancora maggiore convinzione e determinazione, rappresentando l’intera comunità selliese. Questi gesti – conclude Mauro – non possono e non devono in alcun modo frenare l’azione quotidiana degli amministratori onesti e perbene che hanno come unico obiettivo di assicurare un futuro migliore alle giovani generazioni”.
La minoranza tutta esprime la propria vicinanza al Sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli, per il vile atto subito la scorsa notte. Rimaniamo basiti difronte ad un gesto di tale portata che non avremmo mai immaginato potesse coinvolgere il nostro piccolo centro. Ci auguriamo che le forze dell’ordine rintraccino, nel minor tempo possibile, i responsabili di tale atto sconsiderato. La nostra condanna è netta per un gesto che non dovrebbe essere nemmeno immaginato in una repubblica democratica dove la politica si esercita con modi e mezzi che non dovrebbero essere mai, nemmeno lambiti da un tale sconsiderato accadimento.
Magorno (Pd): Esprimo, a nome dei democratici calabresi, solidarietà al Sindaco di Zagarise Domenico Gallelli, vittima la scorsa notte di in vile gesto intimidatorio », lo dichiara il segretario regionale del Pd Ernesto Magorno che prosegue, « Si tratta di un ennesimo atto intimidatorio rivolto ad amministratore della nostra regione. Il Pd calabrese ha dedicato la sua ultima Assemblea regionale, tenutasi ad Amaroni, a questa drammatica questione dando un segnale chiaro e chiamando a raccolta le forze sane, prevalenti nella nostra regione, in difesa di chi opera quotidianamente in prima linea a tutela della legalità nell’interesse dei cittadini. E con questo spirito che sono vicino al Sindaco Gallelli, in attesa che venga fatta luce sui responsabili del gesto, rinnovandogli il sostegno del Pd calabrese, impegnato in prima linea in una nuova stagione per l’affermazione della legalità e della sicurezza in Calabria. Per questo – conclude Magorno – il 27 aprile sarò a Zagarise alla manifestazione di solidarietà che ha organizzato la Federazione provinciale del Pd.
La CGIL di Catanzaro é vicina e solidale con Domenico Gallelli, sindaco di Zagarise.
Continueremo la nostra battaglia di civiltà per liberare la nostra bella terra da certi atti vigliacchi e criminali.
Si continuano a colpire gli amministratori, si colpiscono imprese, lavoratori, uomini e donne. In tutto questo le Istituzioni si limitano a registrare, a minimizzare e a fare “spallucce”. Dov’è il Governo? Quali sono le decisioni, gli atti, le azioni vere oltre agli slogan e alle passerelle?
A queste domande occorre rispondere se si vuol chiedere a Domenico e ai tanti altri amministratori colpiti di continuare con coraggio e determinazione, come la CGIL auspica, a portare avanti il proprio impegno.
Gruppo Consiliare Comune di Botricello L’altra Botricello’“L’incendio dell’autovettura del giovane sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli, rappresenta un affronto a tutte le istituzioni e gli uomini liberi ed onesti. Ci sentiamo di esprimere profonda vicinanza a Gallelli e alla sua famiglia, nella consapevolezza che gli uomini e le donne delle istituzioni non si piegano davanti a nulla quando hanno la schiena diritta e principi forti, proprio come quelli del primo cittadino di Zagarise”.
Lo affermano in una nota i consiglieri di opposizione al Comune di Botricello, Michelangelo Ciurleo, Settimio Mezzotero, Simone Puccio e Francesco Mercurio.
“A Gallelli – hanno concluso – va il nostro incoraggiamento e sostegno a proseguire il percorso politico amministrativo che ha avviato con la sua comunità”
Rosario Bressi (Pd) La nostra piena solidarietà e vicinanza umana al sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli, vittima di un vile atto intimidatorio. Viene colpito un giovane amministratore onesto che si impegna quotidianamente per la legalità e la sicurezza della propria comunità. Le forze sane, prevalenti nella nostra regione, devono stringersi in maniera concreta agli amministratori che per la propria azione vengono colpiti dalla prepotenza della criminalità e dall’arroganza di chi ostacola il cambiamento.
Alfredo d’Attorre (deputato Pd) Il vile gesto intimidatorio compiuto nei confronti del sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli, arriva dopo analoghi gesti compiuti di recente nei confronti di altri amministratori, ponendo ancora una volta in primo piano la questione sicurezza in Calabria. Nell’esprimere solidarietà e vicinanza a Gallelli lo invito aproseguire nel suo impegno politico e amministrativo per la legalità, certo della vicinanza del Partito democratico e della parte sana della Calabria.
Davide Zicchinella sindaco di Sellia vicesegretario provinciale Pd: “Esprimo la mia personale solidarietà e quella dell’intera comunità di Sellia al sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli, per il grave atto intimidatorio subito. Conosco Gallelli sin da quando, giovanissimo, ha iniziato ad affacciarsi con entusiasmo all’attività politico-amministrativa. Forse l’attenta opera di risanamento delle finanze del Comune e l’impegno per la legalità dà fastidio a qualcuno. Lo invitiamo ad andare avanti nel percorso intrapreso nella efficace azione amministrativo al servizio della propria comunità”.
Pd Moro Berlinguer Sellia Marina La più ampia e forte solidarietà e vicinanza al Sindaco di Zagarise, Domenico Gallelli, per l’intimidazione subita a nome di tutto il circolo PD Moro Berlinguer di Sellia Marina e dei Consiglieri Comunali Antonio Ferrarelli e Antonino Tavella.
Da tempo ed in modo sequenziale e ripetuto il nostro territorio è oggetto di intimidazioni contro attività economiche, imprenditoriali e Amministratori. Non possiamo più in.....

mercoledì 22 aprile 2015

Catanzaro si trova ai piedi del Vesuvio, il vicino parco "Scolacium" sull'impervia montagna, la vicina Sila piena di piste da sci.... Questi alcuni dei strafalcioni inseriti sulla rivista turista "Ulisse" dell'Alitalia.

La geografia ha un fascino misterioso e pone domande a cui non sempre è possibile dare una risposta. Come  nello speciale dedicato alla Calabria della rivista di Alitalia "Ulisse" 



 La rivista si chiama “Ulisse” ed è quella che quando si sale a bordo di un aereo Alitalia si può sfogliare comodamente. Peccato che nell’edizione di aprile Catanzaro è diventata una città dalle quali è possibile osservare contemporaneamente, in alcune giornate limpide, “il mar Tirreno, il mar Ionio, le isole Eolie e, talvolta, anche il Vesuvio”. Il tutto è contenuto nello “Speciale Calabria” a cura dell’Assessorato regionale al Turismo.
Gaffe in piena regola, perché il Vesuvio è praticamente impossibile da guardare. Non esiste, è geograficamente inarrivabile anche nelle giornate più limpide. È chiaro, quindi, che il testo redatto dell’assessorato (ci auguriamo che non sia stato scritto da propri dirigenti) è frutto di una grave e approssimativa conoscenza dei luoghi.
Sulla vicenda Antonio Montuoro, presidente dell’Associazione “Teura” ed ex sindaco di Tiriolo, ha indirizzato al presidente della giunta regionale una specifica nota, rimasta comunque ad oggi senza risposta. «Stentavo a credere a quel che stavo leggendo su una rivista ufficiale presente su tutti i voli nazionali ed internazionali dell'Alitalia e, dunque, destinata alla visione di migliaia di persone. L'estensore delle note dimostra una sconcertante mancanza di conoscenza dei luoghi. L'augurio - aggiunge Vincenzo Ursini, presidente dell’Accademia dei Bronzi - è di ......

martedì 21 aprile 2015

"Catanzaro libera Catanzaro" Crescono di ora in ora le adesioni alla importante manifestazione del 24 aprile L'importanza di partecipare



Io ci metto la faccia perché Catanzaro è la mia città, perché la Calabria è la mia terra ed a vedere che la mafia lentamente la sta conquistando sempre di più con bombe, incendi, rapine, intimidazioni mi fa star male. La Calabria è meravigliosa, basta girarsi intorno per capire di stare in un posto stupendo eppure dopo anni di malgoverno dopo anni in cui i nostri amministratori si sono venduti alla mafia continuando ancora a farlo, appare come un inferno. Un inferno dal quale scappare perché non c'è lavoro, né infrastrutture e trasporti decenti ma soprattutto non c'è futuro e pare esser morta anche la speranza. Ma io credo che una Calabria migliore sia possibile, credo e spero con tutto il cuore che la gente capisca ciò che la gente torni ad esser fiduciosa e cominci ad alzare la testa. A ribellarsi. A lottare.
il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, nel comunicare l’adesione dell’amministrazione provinciale alla manifestazione organizzata dall’associazione “Libera”.
“Riteniamo che con la manifestazione di venerdì 24 aprile – che si accompagna alla sottoscrizione dell’appello che abbiamo voluto condividere assieme allo spirito unitario dell’iniziativa – “Libera” non abbia semplicemente voluto sollecitare il sussulto d’orgoglio di un’intera comunità, dopo i fatti di cronaca che si sono susseguiti suscitando una forte preoccupazione nelle forze sociali ed economiche sane della città di Catanzaro
Il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo alla manifestazione antimafia organizzata da Libera per venerdì prossimo in piazza Prefettura a Catanzaro. "Il primo cittadino - si legge in una nota - condivide l'iniziativa lanciata dall'associazione di don Ciotti per affermare ancora con maggiore forza che Catanzaro è una città che respinge la criminalita' e le pratiche mafiose.
Il sindaco del Comune di Simeri Crichi, Marcello Barberio,aderisce con convinzione, nella qualità e individualmente, alla mobilitazione della società civile e delle istituzioni democratiche del 24 prossimo, a Catanzaro, per la sottoscrizione di un patto di civiltà e di libertà contro la violenza  e contro la criminalità e l'llegalità, che tentano di far sprofondare la nostra Terra verso il degrado sociale, attraverso lo sconforto delle coscienze più libere, sane e consapevoli. Grazie a Libera per l'iniziativa. 
La Segreteria Provincia del  S.I.U.L.P.  (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia),  aderisce alla manifestazione  promossa dall’Associazione “ Libera”,  che si terrà in questo centro cittadino il 24 p.v.  contro ogni forma di assoggettamento e omertà e contro la criminalità organizzata.

Paolo Parentela Se Catanzaro scenderà in piazza per urlare il proprio sdegno verso l'escalation criminale che i cittadini stanno subendo, io ci sarò. Catanzarese tra i catanzaresi, senza bandiere o simboli.  Accolgo con entusiasmo l'invito alla  manifestazione 

"La Calabria in Cammino" aderisce alla manifestazione "Libera Catanzaro Libera". Attraverso il suo presidente, Carmelo Cosentino, l'associazione politico culturale vuole esprimere la propria partecipazione ad una manifestazione che punta a rispondere agli attacchi della criminalità con la forza della gente.
(questi sono solo alcune delle tantissime adesioni alla manifestazione del 24 aprile.)
Come si dice nella locandina di Libera che invita a partecipare alla manifestazione che si terrà a Catanzaro il 24 aprile, la mafia è arrivata a Catanzaro e dobbiamo capire che o li cacciamo adesso o non li cacciamo più in quanto la mafia è un lerciume che va spazzato via, immediatamente!
Ecco perché scendere in Piazza il 24 aprile è estremamente importante, ecco perché dobbiamo essere uniti dobbiamo dimostrare di essere un tutt'uno. Solo cosi ci ......

venerdì 17 aprile 2015

ALUNNI DELLl’IIS PETRUCCI FERRARIS MARESCA PROGETTANO IL PARCO DEI CORBEZZOLI O DELLA RIMEMBRANZA 2015

BONIFICA, PROGETTAZIONE, CREAZIONE DEL PARCO DEI CORBEZZOLI O DELLA RIMEMBRANZA


Alunni e alunne dell’IIS PETRUCCI FERRARIS MARESCA, sede PETRUCCI, guidati dai docenti Carlo Cassadonte, Roberto Marullo e Agazio Fulciniti,  referenti del progetto: “Verdi Rimembranze” della Prima Guerra mondiale Conoscenza e stato, proposto dal Garden Club La Zagara, hanno elaborato il singolare  progetto “ Il Parco dei corbezzoli o della Rimembranza” studiato, curato e composto dalle classi  IIIB E VB.





La condivisione dell’esperienza tra  studenti ha  accresciuto il senso costruttivo del “ fare scolastico “e il contatto con le Amministrazioni pubbliche  ha reso i ragazzi cittadini più sensibili e consapevoli.


Molteplici sono ormai le esperienze degli studenti di questo istituto condivise negli anni con il Garden Club di Catanzaro, e ogni volta hanno saputo accendere  nei ragazzi motivazioni e serio impegno, proprio come veri tirocinanti della progettazione verde.
.
Il Parco dei corbezzoli o della Rimembranza sorgerà infatti nell’area circoscritta della scuola Laura D’Errico a Rione De Filippis; tenterà di riqualificare un tratto di territorio urbano per salvarlo all’ambiente e recuperarlo al paesaggio,  anche esso sarà consegnato alle cure degli studenti e fornirà loro materia per ulteriori azioni educativo-didattiche, costituendo così memoria di un passato storico legato all’indissolubile rapporto tra uomo e natura   


L’area prescelta originariamente destinata ad un uso agricolo, oggi incolta e impraticabile, presenta alcune residue piante di olivo che ne testimoniano l’antica connotazione. Grossa parte della sua estensione è ricoperta da ponderosa sterpaglia, prosperosi canneti e sporadici arbusti di mirto, terebinto e oleandro, frammisti ad alberi di pino e altre varie specie tipiche della macchia mediterranea.


Ma perché proprio un parco?
In prima analisi ciò è nato dall’esigenza di avere spazi di studio ove continuare l’esperienza della coltivazione di orticole ed aromatiche; in secondo luogo dalla necessità di bonificare e rendere dignitoso e accogliente l’ampio ambiente naturale circoscritto a una scuola; da ultimo,  per salvare la vita di piante strozzate dall’incoltura e dare vita all’esperienza del pensare e del fare, irrinunciabile metodo per motivare più incisivamente qualsiasi apprendimento.
Perché della Rimembranza …
Perché a Catanzaro non c’è né Parco né Viale della Rimembranza e, quest’anno, è l’anno del centenario della Grande Guerra ; poter ..........

giovedì 16 aprile 2015

Simeri Crichi; Il corpo Forestale di Taverna mette sotto sequestro una discarica abusiva, presenti anche materiale pericoloso come lastre di eternit


Sequestrata discarica abusiva a Simeri Crichi



ln località Ceraso di Simeri Crichi il corpo forestale di Taverna ha sequestrato un un'area utilizzata per lo smaltimento di ingenti quantità di rifiuti speciali e pericolosi, presenti anche lastre di eternit, calcinacci, pezzi di cemento armato con ferro, mattoni, piastrelle ed altro depositati in una vasta zona di circa 500 metri utilizzata da impresa operante anche nel settore urbanistico ed edilizio.Due le persone denunciate con l’ipotesi di reato di illecita gestione di rifiuti non autorizzata, anche l'illecita miscelazione dei rifiuti stessi, nonche' la violazione delle norme in materia paesaggistico-ambientale.Dopo gli.......

mercoledì 15 aprile 2015

Dove si trova la spiaggia più bella D'Italia? In Calabria! Precisamente a....... La classifica nazionale delle spiagge più belle mette la Calabria al primo posto.




Sdraiata su un bellissimo tratto della Costa degli Dei, affacciata sul Tirreno, quasi a voler sfidare il vulcano di Stromboli, che con il suo elegante profilo le sta di fronte: Capo Vaticano è la destinazione dell’anno per Skyscanner. La baia di Grotticelle, con le sue tre spiaggette affiancate di sabbia finissima, e con piccoli scogli e rocce che digradano verso l’azzurro di un mare cristallino, è il luogo perfetto dove trascorrere le vostre vacanze calabresi.
Il sole che picchia sul blu, la costa rocciosa, il verde della macchia mediterranea e le infinite bontà della cucina locale, dalla ‘Nduja di Spilinga, alla cipolla rossa di Tropea, valgono a questa località il primissimo posto nella speciale classifica delle spiagge più belle d’Italia. Un vero e proprio inno alla Calabria e alle sue immense bellezze! La bellezza della spiaggia calabrese è riuscita a ....

martedì 14 aprile 2015

Sellia Marina:2 anni e 4 mesi! Ecco quanto vale la vita di un bambino tragicamente ucciso da un Suv all'età di 12 anni. Il piccolo Matteo Battaglia fu ucciso davanti al negozio del nonno nell'agosto del 2013

Due anni e 4 mesi per aver travolto e ucciso con la sua auto un ragazzino. La condanna è stata inflitta con rito abbreviato ad Andrei Valentino Epurei, il romeno di 26 anni ritenuto responsabile della morte di Matteo Battaglia, un bambino di 12 anni investito col suo Suv a Sellia Marina (Catanzaro) nell'agosto del 2013.

Matteo fu ucciso, (non mentre  stava attraversando la strada come erroneamente riportato da qualche agenzia di stampa)  ma stava aiutando il nonno  davanti al negozio di frutta.La sentenza è stata emessa dal giudice di Catanzaro, Giuseppe Perri. L'imputato, difeso dall'avvocato Gregorio Viscomi, è stato anche condannato al risarcimento delle parti civili, genitori e nonni della vittima, rappresentate dagli avvocati Francesco Granato e Vincenzo Puccio, che sarà quantificato in sede cilvile.Al termine della requisitoria il pubblico ministero aveva chiesto la condanna dell'imputato a tre anni e mezzo di reclusione.
L’uomo all’epoca dei fatti fu arrestato e ha trascorso, tra carcere e domiciliari, circa .........

lunedì 13 aprile 2015

Sersale; lettera di risposta da parte del consigliere dell'opposizione Antonio Borelli verso chi lo dava per "Desaparecido."



Cara Coalizione Progetto Sersale,
ho letto il vostro appassionato scritto e mi ha fatto molto piacere il vostro 'finalmente' a commento del mio ritorno. E' vero: sono stato assente in questi mesi perché - e non voglio che il mio lavoro sia una giustifica - sono impegnato ad Amantea (Africa sub-sahariana) dove mi occupo di rifugiati in un centro di accoglienza. Purtroppo, anche a causa del disinteresse delle istituzioni, sono costretto a lunghi turni che mi sottraggono alla gazzarra politica sersalese. E non posso presenziare assiduamente alle molte iniziative culturali delle associazioni di Sersale: colgo l'occasione per scusarmi, ma loro che lavorano nel sociale, comprenderanno che il mio lavoro è per buona parte un impegno sociale. Forse è a causa del logo di Rifondazione sul manifesto in merito "all'opinionista maldestro" che avete pensato che io mi sia disinteressato della vita pubblica sersalese? No, in verità la sezione cui appartengo si è sentita in dovere - unica tra i partiti, istituzioni e associazioni di Sersale - di stigmatizzare alcuni commenti che hanno denigrato l'impegno dell'Arci. Se riesco alla prossima ci sarò... che cos'è? il 25 aprile?!
Però ci tengo a rassicurarvi: sto bene e la nostalgia per i tempi in cui ci azzuffavamo quotidianamente, quando facevo anche "l'articolista maldestro, ignorante della lingua italiana", è tanta. Approfitto di queste poche righe per ringraziare del pensiero; le vostre citazioni sui vostri manifesti mi fanno inorgoglire, vuol dire che ogni tanto i miei messaggi in bottiglia vi giungono...
A questo proposito volevo confermarvi il mio impegno: negli ultimi 3 mesi il mio blog è stato popolato da alcuni post a tema locale (circa una decina), ma forse - a giudicare dal titolo del vostro scritto - avrete letto soltanto "non parlate al conducente", nel quale esortavo gli amici del PD a non disturbare più di tanto chi amministra il nostro piccolo paese.
Volevo anche ringraziare pubblicamente il Sindaco che "ha partecipato contribuendo con la sua ingombrante presenza a riempire una sala consiliare desolatamente vuota" in occasione della mia ultima apparizione certificata alla MIA "roboante conferenza stampa" di fine anno. Ringrazio anzi doppiamente perché la presenza del Sindaco non sarà giammai 'ingombrante' ad un evento pubblico, forse il solo confronto pubblico con l'opposizione a cui egli abbia mai partecipato. In secondo luogo la presenza del Sindaco ha arricchito di contenuti una conferenza stampa che, ahimé, è rimasta deserta. In quell'occasione, il Segretario Provinciale di RC esortò il Sindaco a preoccuparsi se i suoi cittadini hanno perso l'interesse per il dibattito politico: questo è sicuramente frutto del nostro agire quotidiano. Ma anche, come disse quella sera il Sindaco, del fatto che "i cittadini si fidano ciecamente della propria amministrazione, per questo le hanno delegato il governo".
E' per me fonte di orgoglio essere riuscito a dare ai presenti un rendiconto della "mia" attività di consigliere comunale e in più aver ospitato il contraddittorio col vostro rappresentante di punta. Anche se non c'era pericolo che spostassi consensi quella sera, né avrei detto chissà che cosa dato che non c'era quasi nessuno. 
Mi preoccupa però che, malgrado ricordi la mia roboante conferenza stampa, il Sindaco non vi abbia rassicurato della mia presenza, seppur telematica: qualche  .........

venerdì 10 aprile 2015

A Catanzaro si vive sempre di più in un clima da "Far West" Continuano senza sosta atti criminosi su tutto il territorio.


Continuano, senza sosta, le ondate di violenza e criminalità che stanno interessando la città di Catanzaro e l’intera provincia”. Inizia così una Dichiarazione del Presidente di Confindustria Catanzaro, Daniele Rossi, che aggiunge: “Avremmo voluto sbagliare ed esagerare, ma purtroppo – dice – abbiamo avuto ragione, quando un mese addietro sollecitammo S.E. il Prefetto Latella, ospite nella sede di Confindustria Catanzaro, a convocare un urgente Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico con la partecipazione delle forze dell’ordine. In quella sede – ricorda -, ringraziando il Prefetto per la celerità e la sensibilità dimostrate, abbiamo esposto con energia quello che stava accadendo ed i rischi di una forte recrudescenza di atti criminali in tutta la zona della città e della provincia, che sembrano ormai esposte a scene da Far West. Ebbene, i giorni successivi non hanno fatto altro che conferme un escalation impressionante di microcriminalità a cui il nostro territorio non era abituato e che sta mettendo a serio rischio la tenuta di un sistema economico, già fragile e provato dalla crisi. Rapine a mano armata (banche, supermercati etc), incendi dolosi presso attività commerciali, attentati a rappresentanti delle istituzioni uniti a furti in appartamenti ed al clima che si vive in alcune zone della città, nell’ultimo mese, hanno fatto parte della cronaca quotidiana – aggiunge ROssi – disorientando gli operatori economici ed i cittadini, facendo cadere l’intero territorio in uno stato di angoscia e paura molto ma molto preoccupante. Siamo fiduciosi e sicuri – continua – che le forze dell’ ordine e l’autorità giudiziaria non sottovaluteranno gli eventi e le nostre preoccupazioni e sapranno rispondere con azioni incisive ed efficaci, ma riteniamo, senza ombra di dubbio, anche per le sollecitazioni che riceviamo dai nostri associati, che è necessario dare una svolta alle azioni investigative e, nell’ immediatezza, anche ...........

giovedì 9 aprile 2015

Sersale; il sindaco con decreto del 31 marzo 2015 ha conferito l'incarico per la copertura di un posto di funzionario economico e contabile.........."Intuitu Personae?"



Con Decreto Sindacale n°2 del 31 marzo 2015, il Sindaco ha conferito l'incarico per la copertura di un posto di funzionario economico e contabile nel comune di Sersale. Sgomberando il campo da qualsiasi illazione che sicuramente ci verrà attribuita, auguriamo buon lavoro al nuovo dipendente comunale che fino alla scadenza del mandato dell'Amministrazione ricoprirà sicuramente con
professionalità il proprio ufficio. Tuttavia cogliamo l'occasione della creazione di un posto di lavoro negli uffici comunali per fare una riflessione squisitamente politica. Nel bando di selezione della figura si è previsto che coloro in possesso dei requisiti (Laurea in Economia) dovessero inviare il proprio curriculum vitae e che: La nomina ha carattere fiduciario ed è basata sull' intuitu personae, con ampia discrezionalità del Sindaco di scegliere quel candidato, in possesso dei requisiti richiesti, che riterrà più idoneo ad espletare l'incarico, ovvero di non procedere ad alcuna individuazione senza obbligo di specifica motivazione nei confronti degli interessati. Fin qui nulla quaestio. La modalità di selezione è prevista dalla normativa vigente, è stata resa pubblica e i candidati (otto) hanno inviato il proprio curriculum per concorrere. Ciò che ci lascia perplessi è la definizione di intuitu personae. Infatti il latinismo si traduce con l'italiano "avuto riguardo alla persona"; indica, nel linguaggio giuridico, quei negozi nei quali si ritengono di particolare rilevanza le qualità personali dei soggetti contraenti (fonte Wikipedia) e presuppone che la stipula sia valida proprio in virtù delle qualità personali dei contraenti, in virtù del proprio intuito appunto. Sulle ....