09.11.2009 - 09.11.2017.... da 8 anni insieme a voi. Auguri al nostro blog del Comprensorio

giovedì 13 luglio 2017

Catanzaro tutti i particolari raccapriccianti persecutorie e vessatorie vere e proprie torture subite dalla paziente affetta da Sla registrate dal Nisa, e finite nel fascicolo dell’inchiesta “Urla Silenziose” coordinata dal Procuratore Nicola Gratteri



Nove persone tra medici e infermieri della clinica S. Vitaliano di Catanzaro sono stati arrestati e posti ai domiciliari in esecuzione di un'ordinanza emessa dal gup di Catanzaro Barbara Saccà. L'inchiesta "Urla silenziose" è stata coordinata dal sostituto procuratore Stefania Paparazzo assieme al Procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri e all'aggiunto Vincenzo Luberto. Per l'accusa gli indagati, avrebbero esercitato violenze psicologiche su una paziente affetta da Sla paralizzata da cinque anni.
A far scattare l'indagine, effettuata dal Nisa e dalla Squadra Mobile, è stata la denuncia della stessa paziente fatta attraverso una mail. Il reato contestato, in concorso, è quello di maltrattamenti con le aggravanti dell'aver agito per motivi abbietti, ovvero per dispetto o per ritorsione a causa delle continue richieste di assistenza da parte della paziente, abusando dei poteri e violando i doveri inerenti alla loro funzione. Le indagini hanno fatto emergere che, nel corso degli ultimi tre anni, la signora subiva comportamenti persecutori, vessatori, a volte aggravati da insulti rabbiosi. Le condotte venivano perpetrate spegnendole l'audio del comunicatore, ovvero semplicemente spostandole il monitor, così impedendo al lettore ottico di intercettare le pupille della stessa. In tal modo, la paziente veniva privata non solo della sua voce ma anche della possibilità di leggere, usare internet, telefonare, leggere e scrivere mail e rimanendo costretta, inerme nel letto, a fissare la parete.
 La donna, scrive il gip nella sua ordinanza, era sottoposta ad un “complesso di attività persecutorie e vessatorie, a durevoli sofferenze morali”.  Perfide vessazioni, vere e proprie torture registrate dal Nisa, e finite nel fascicolo dell’inchiesta “Urla Silenziose”  coordinata dal Procuratore Nicola Gratteri, dall’aggiunto Vincenzo Luberto e dal sostituto Stefania Paparazzo, sfociata nell’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal gip Barbara Saccà nei confronti di 9 persone, tra cui un medico, infermieri e personale sanitario del Centro Clinico specializzato nel trattamento della Sclerosi Laterale Amiotrofica. L’ordinanza è stata notificata ad Emanuela Caporale, di 41 anni, di Lamezia Terme; Elena Denisia Rosu, 39enne nata in Romania;  Giacinto Muraca, 38enne nativo di Soveria Mannelli; Tonino Bria, 35enne nato a Cosenza; Antonio Di Bari, 29enne nato a Cosenza; Giovanni Presta, 55enne di San Lucido; Donatella Folino Gallo, 29enne nata a Soveria Mannelli; Caterina Ester, 30enne nata a Cosenza; al medico Giuseppe Rotundo, 39enne di Catanzaro. 
Le indagini sono partite dalle denunce della donna, immobilizzata fisicamente a causa del progredire della malattia, ma perfettamente lucida e consapevole.
L’aspetto più drammatico della Sla - evidenziano gli stessi magistrati -  è rappresentato dal fatto che la persona che ne viene colpita, pur vedendosi progressivamente bloccare tutti i muscoli, non perde, nemmeno nella fase finale, la capacità di pensare e relazionarsi e rimanendo perciò cosciente della sua condizione fino all'ultimo; sostanzialmente la mente resta vigile, ma prigioniera in un corpo sempre più immobile. 
Secondo l'accusa, gli indagati hanno posto in essere nei confronti della donna una condotta connotata da atti di scherno, disprezzo e intimidazione, ma anche di trascuratezza e di indifferenza avverso i bisogni di una paziente non autosufficiente, immobilizzata nel proprio letto e senza alcun supporto nemmeno da parte dei familiari. 
  La donna ha utilizzato il comunicatore per inviare delle email di denuncia delle vessazioni subite ad un notaio e ad alcuni avvocati, che hanno presentato esposto in Procura. Nelle sue email la donna implorava continue richieste di aiuto, lamentando di essere maltrattata dal personale del centro clinico e, pertanto, di trovarsi in una situazione di sofferenza provocata dai comportamenti di disprezzo della sua persona e di assoluta indifferenza verso i suoi bisogni di cura ed assistenza. Comportamenti, questi, per nulla occasionali.  “Per maltrattamenti - scrive la donna - intendo che psicologicamente mi hanno demolita, c’è un medico in particolare tolgono monitor e quindi la parola e ridono i medici tanto poi la aspiriamo facendomi riempire di muchi”. 
La stessa vittima ha denunciato agli inquirenti diversi episodi, tra cui uno relativo alla manomissione del comunicatore. Le successive indagini condotte anche attraverso una intensa attività intercettiva hanno riscontrato che la donna  veniva sottoposta ad atteggiamenti umilianti da parte del personale sanitario, soprattutto quando chiedeva un loro intervento, ma anche di fronte ai bisogni primari. Tutti episodi registrati grazie all’utilizzo delle intercettazioni ambientali e ripresi dalle telecamere piazzate dal Nisa all'interno della clinica. 
 “Guà si nun ti cci'hanno volutu ti ci mandu io ..tu giuru, ti faccio fare andata e ritorno.. andata senza ritorno …. u sa cchi vo ddire andata senza ritorno.. pensa!”. Parlando con il dottore nella stanza della paziente, uno degli infermieri si riferiva alla donna: "se oggi fa così, tra tre secondi io le sposto il monitor ... speriamo che non la fa più all'inferno non l'hanno voluta". Un altro sanitario è stato registrato mentre scherniva la paziente dicendole: "ridi? Ti diverti? Io mi diverto fuori da qua", ed in un’altra occasione le diceva: "tu mangi perché ci siamo noi”. E un altro ancora teneva più volte nei confronti della donna un atteggiamento autoritario , minaccioso e denigratorio, in particolare le spostava il comunicatore dicendole contemporaneamente “… nun cumíncià a sunà si nu tu spaccu", e in un’altra occasione, con riferimento al comunicatore esclamava "non si può cacciare? A che cazzo serve”.
E poi c’erano gli insulti, quando la donna necessitava di essere pulita. Agghiaccianti le frasi di un infermiere rivolte alla donna: “puzzi, ragli comu 'a ciuccia", "sei grassa quantu na ciuccia per me puoi ragliare”. Lo stesso che, in una occasione entrando nella stanza della paziente, vedendola con la testa piegata ed il monitor non calibrato, le diceva di aspettare in quanto doveva andare a bere un sorso di acqua, lasciandola con la testa reclinata; in un’altra occasione mentre la paziente, priva del comunicatore, continuava a piangere, si rivolgeva alla stessa affermando "si vai vai quando finisci.... tanto tu non ci sai stare con il monitor vai vai ti ho aspirato nemmeno mezzora fa”. In diverse occasioni, intervenendo a seguito delle richieste di assistenza della paziente, omettendo di chiedere di cosa avesse bisogno, l’infermiere la minacciava reiteratamente di staccarle il comunicatore e talvolta lo staccava, pronunciando le seguenti frasi: "Tu staccu", "e chi cazzu", "taiu aspiratu taiu sistematu e continui”. 
Gli operatori sanitari - secondo gli inquirenti - hanno agito con inciviltà, mancanza del sentimento di umanità e assoluta mancanza di...........
rispetto delle regole dello Stato e in particolare di quelle regole che guidano l’esercizio della professione sanitaria.
 Anche il medico del reparto di degenza per i pazienti affetti da Sla, Giuseppe Rotundo, secondo l’accusa dava disposizioni ad infermieri ed Oss perché spegnessero il comunicatore, e invitava la stessa donna a “riposarsi dal monitor, perché troppi campanelli fanno perdere l’udito”. Dalle interettazioni emerge che le denunce della donna non lo intimorivano:  “Addirittura Gip o Gup! Una cena e spieghiamo come funziona e come va la vita”. Oppure: “lei ha provato con mail denunce e ha visto che non funziona… perché non prova con sorrisi”.
Frasi sprezzanti, che puntavano ad umiliare la donna e a spegnere persino la sua speranza di potere uscire, attraverso le sue coraggiose denunce, da quel terribile inferno.
Fonte: Ansa, Catanzaroinforma
                                                                           Sellia racconta il Comprensorio

15 commenti:

  1. Ora mi raccomando dottor Gratteri e giudici tutti non abbiate la più piccola pietà per queste persone che nulla hanno di umano!!! Condannatele alla pena massima altrimenti nessuno avrà più fiducia nella magistratura!!Neanche le bestie vengono trattate così,mi vergogno di fare parte di questa umanità che ha perso ogni pudore!!!!!!VERGOGNATEVI!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. spero viviamente ke nn basti una cena...

    RispondiElimina
  3. I lavori si svolgono con umanità,oppure state vene a casa

    RispondiElimina
  4. è una vergogna trattare delle persone malate in questo modo signor giudice nonabia pietà di queste maledette gentaglia grazie




    gente maledetta trattare un persona così si meritano un massimo della pena

    RispondiElimina
  5. Vergogna,vergogna e ancora vergogna !
    Meritano di essere puniti con la massima severità e additati al pubblico ludibrio per essere disprezzati da tutti anche dai propri figli se ne hanno!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ma cosa pensano questi manigoldi di aver fatto il patto col diavolo!!!!
    Anche loro invecchieranno e si potranno ammalare e nessuno avrà pietà di loro!!!!Vigliacchi cinici della malora!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Li tratterei allo stesso modo per anni. Dott Gratteri..
    ..la massima pena per favore. Non sono degni neanche di essere chiamata persone

    RispondiElimina
  8. Gentaglia maledetta da punire in modo esemplare prima ritirandogli lo stipendio poi con un risarcimento morale e materiale per tutto quello che hanno fatto senza nessuna pietà!!

    RispondiElimina
  9. Non se ne può più!! Sempre i più deboli devono soffrire!!
    I bambini e gli anziani per di più ammalati!!Poveri noi che mondo balordo siamo riusciti a fare!!La malvagità umana non ha limiti!!

    RispondiElimina
  10. Non c'è cosa più riprovevole........spero solo nelle condanne più alte possibili e la certezza della pena.

    RispondiElimina
  11. Ora si deve vedere se veramente esiste la giustizia dovete condannarli e non devono più trovare lavoro questi esseri struggenti, che tristezza per questa donna poverina,e stato talmente facile per loro prendersela con una malata che non si sono proprio stancati,e chissà quante altre persone hanno maltrattato,m'ha io spero tanto nella giustizia

    RispondiElimina
  12. Vigliacchi, farabutti,mascalzoni prendersela con i più deboli è la cosa più riprovevole,in più questa era pure la loro fonte di guadagno!!!!Ma dove siamo andati a finire.......Delinquenti a prescindere...Metteteli in galera e buttate le chiavi nell'oceano più profondo!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Mah...c'è tanta gente che ha bisogno di lavorare...tutti in galera e telecamere ovunque

    RispondiElimina
  14. Mah...c'è tanta gente che ha bisogno di lavorare...tutti in galera e telecamere ovunque

    RispondiElimina
  15. Questi bastardi vanno arrestati e buttate le chiavi.

    RispondiElimina