Dal 2009 Sellia racconta il Comprensorio offre un piccolo spazio di informazione tutto in modo totalmente gratuito senza un minimo di pubblicità animato solo dall'amore verso il nostro stupendo territorio.Oltre il 70% dei servizi sono inviati dai vari lettori, amministratori, enti, associazioni ecc...Solo nel mese di luglio 2017 il blog ha totalizzato ben 74.720 contatti ( fonte Google) il tutto da fastidio a chi spinto dall'invidia o da rancori per qualche servizio pubblicato che li da fastidio fa di tutto per bloccarci Ma il blog non si ferma forte del crescente consenso forte della vostra stima Grazie!

Simeri Crichi


Simeri Crichi   
Crichi deve la sua nascita ad alcuni abitanti di Sellia mentre per la frazione di Simeri le sue origini sono molto più antiche esse vanno ricercate alla gloriosa città di trischene
Dopo le varie incursioni Saracene il popolo in fuga della antica citta Greca di Trschene che era presumibilmente situata verso la foce del torrente "Uria"  si diresse verso l'interno edificando tre città Simeri, Sellia e Taverna. Per Crichi invece la sua origine sicuramente fu ad opera di alcuni contadini  di Sellia i quali s’incriccaru (litigarono) con altri gruppi sociali durante la festa du zillusu( litigioso) la "Cricca" sconfitta fu costretta ad abbandonare il loro paese natio portandosi la forte fede verso la Madonna e del  protettore San Nicola si sistemarono in prossimità del convento di Santa Maria delle Grazie di Porticello, non lontano dalla chiesetta eremitale della Cona o di Fra’ Rocco, ancora oggi meta di pellegrinaggio e di devozione sia dei Crichesi che dei Selliesi (ma non dei Simeresi), in occasione della festa dell’Addolorata, alla terza domenica di settembre. San Nicola protettore di Sellia divenne anche il protettore del nascente paese di
Crichi che in breve tempo divenne uno dei più importanti centri del circondario.

Vuoi contribuire ad arricchire questa pagina? Inviaci il tuo materiale sulla storia,anedotti, foto, racconti ecc..a:  selliaracconta@gmail.com