Dal 2009 Sellia racconta il Comprensorio offre un piccolo spazio di informazione tutto in modo totalmente gratuito senza un minimo di pubblicità animato solo dall'amore verso il nostro stupendo territorio.Oltre il 70% dei servizi sono inviati dai vari lettori, amministratori, enti, associazioni ecc...Solo nel mese di luglio 2017 il blog ha totalizzato ben 74.720 contatti ( fonte Google) il tutto da fastidio a chi spinto dall'invidia o da rancori per qualche servizio pubblicato che li da fastidio fa di tutto per bloccarci Ma il blog non si ferma forte del crescente consenso forte della vostra stima Grazie!

Sellia



I SINDACI
1958- Sino al 27.11.1960.                 Commissario Antonio Cirillo
1960 –Sino al 17.4.1963.                  Guido Valente
1963- Sino al 6.12.1964.                   Vitaliano Prejanò
1964- Sino al 7.7.1970.                     Teresa Cirillo
1970/ 1985.                                       Domenico Accoti
9.11.85 / 20.11.1986.                        Giovannangelo Fortino
1986/ 1987.                                       Antonio Folino
1987/ 1995.                                       Giuseppe Lopez
1995/ 1999.                                        Ettore Salerno
1999/ 2004.                                        Francesco Rotella
2004/ 2009.                                        Antonietta Folino
2009/ 09 2013                                          Davide Zicchinella
09 2013- 05 2014                                    Commissario Prefetizio
26.05.2014-                                                             Davide Zicchinella





                                             SELLIA    
Asilia suo antico nome ,di trischene il suo signore.
Asilia* ; Quale luogo di difesa (asilo)luogo forte innespugnabile
All'incontro di questo castello v'è un altro chiamato Sellia fabbricato in luogo alto tra il fiume simari e Allio,qui vi nasce una terra, dalla quale si fa il colore ceruleo,e si fa copia di bambaggio e sesamo.
Asilia* ancor detta quale luogo di difesa, e forti reliquie dell’antica Trischene. Con fruttifere compagne massimamente di vino. Si spiega particolar civiltà del luogo nella sua picciolezza, da 230 fuochi. Posseduta con titolo di barone da D. Saverio Perrone. Da lato di mezzogiorno elia poco si discosta dal mare. 
Sellia* Terra sopra una roccia circondata da valli , e da due fiumi di aria, bassa, Dioc.. di Catanzaro, 10 miglia distante da detta città. Il suo titolo di Baronia;è di Perrone. Fu quasi distrutta dal terremoto del 1783. Produce grani, granidindia, legumi, frutti, gelsi, bambagia, ed erbaggi, fa di pop. 991- nei contorni del suo territorio, ch'è quasi vicino al mare vi è sale minerale purgante, sperimentato di sommo vantaggio alla salute,e una. terra, da cui si fa il color ceruleo.

* Queste alcune descrizioni su Sellia tratti da volumi antichi sulla Calabria

                                                           Le origini di Sellia*
Quasi sicuramente Sellia nasce come paese dopo la distruzione della grande città di TRISCHENE,
(3 tabernacoli,3 chiese) lì convivevano in pace tre religioni:tre culti diversi .Ma dopo la distruzione si dividono addentrandosi sulle colline dell’entroterra. In un libro che parla sulle origini di Catanzaro cita il rione Grecia nato proprio dal popolo Greco di TRISCHENE.
Così come può essere fattibile l’ipotesi che quando una parte degli abitanti in fuga da TRISCHENE arrivando in prossimità del monte (ASILIA)esso non fosse del tutto disabitato,ma abbiano trovato la chiesetta “Dell’Arcangelo”presso il rione Sant’Angelo costruito in prossimità di dove prima c'era un tempio pagano dedicato alla dea Pallade. Infatti nei primi secoli del cristianesimo era d’uso costruire in prossimità o addirittura sopra i templi pagani dei monasteri o chiese per evidenziare la vittoria, la supremazia del Cristianesimo sul paganesimo.
Il nome al monte “Asilia” fu dato dai greci quando costruirono il tempio alla dea Pallade
che vuol dire luogo sicuro inviolato luogo sacro. Da qui nasce il nome di Sellia ,e non certamente
come qualcuno ha ipotizzato dalla caratteristica forma a sella del centro storico,e nemmeno dai vari baroni . A Sellia esisteva un tempio pagano dedicato alla dea Pallade? Si! Perché proprio nella “timpa e pallara”? Ipotesi molto plausibile : Quando i Greci arrivano in Calabria si accorgono che era una fonte di materie prime essenziali ecco il nome (Magna Grecia).La Calabria si presentava ricca di pini materiale primario per la costruzione di navi  ricca di pece resina catramosa inperniabile per le imbarcazioni. dopo aver abbattuto i grossi tronchi devono farli arrivare a mare sfruttando il fiume navigabile Semeri “a timpa e Pallara “ si trovava proprio nel mezzo posizione ottimale per erigere un tempio
–.Prima dell’arrivo del popolo in fuga da “Trischene
Verso la fine dell’ottavo secolo ,il monte “Asilia” era abitato?Qui ci viene in aiuto una prova scritta riportata dall’Arciprete G .Rosi il quale rilevo sull’altare della chiesetta Dell’Arcangelo nell’omonimo rione Sant’Angelo la scritta “HOC TRANSIT TIMOTHEUS”da qui passò Timoteo Timoteo discepolo prediletto di San Paolo visse nel primo secolo D:C ,i quali attraversarono la Calabria per raggiungere Roma .Perchè fu costruito proprio li  la chiesetta?Come riportato precedentemente nei primi secoli del cristianesimo si usava erigere chiese o monasteri in prossimità o addirittura sopra i templi pagani per evidenziarne la vittoria del Cristianesimo sul paganesimo. Sellia ,Asilia nasce dalla popolazione in fuga di Trischene ,i quali quando arrivarono sul monte Sellion trovarono una chiesa intitolata all’Arcangelo costruita in prossimità di un ex tempio pagano dedicato alla dea Pallade .Intorno ad essa nacque il primo nucleo abitativo ,dando origine al rione Sant’Angelo,il rione più antico di Sellia che vanta quasi duemila anni di storia .
* Ricerca di Sellia racconta
                         Cronologia di alcuni avvenimenti *
1121 dC - La diocesi di Catanzaro fu eretta nel 1121, ricavandone il territorio dalla diocesi di Squillace. L'erezione della diocesi fu invano avversata dal vescovo di Squillace Pietro: passarono alla neonata diocesi i territori di Taverna, Rocca Falluca, Tiriolo, Sellia e la stessa Catanzaro. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Reggio Calabria.
Secondo alcune fonti storiche, nel 1239, Sellia era dominata da un certo Guglielmo detto da Sellia. La documentazione in nostro possesso non indica chi fosse, ma si può supporre sia stato signore di Sellia quando i Loritello ebbero la Contea di Catanzaro.

1444 - Nel 1444 il re Alfoso scese in Calabria e conquistò i domini del Centelles, espugnando il castello di Belcastro, di Simeri, di Crotone e di Catanzaro. Le fonti storiche relative a questo periodo non indicano se anche il castello di Sellia subì la stessa sorte.
1620 - Nel 1620 alcuni contadini e boscaioli provenienti da Serrastretta, avendo appreso che il barone Francesco Sersale nel suo feudo di Sellia disponeva di vasti appezzamenti di terre incolte, decisero di chiedergli l'assegnazione dei fondi Angaro e Morino. Si trasferirono con le famiglie in quelle terre ed iniziarono a coltivarle costruendovi anche delle modestissime case. Il Barone Sersale concesse loro diverse agevolazioni giungendo ad un accordo per cui le parti conclusero davanti ...
1783

1811 - Il casale di Simeri fu poi dei De Fiore, dei Barreta Gonzaga e dei de Nobili che vi rimasero fino al 1806, anno dell'eversione della feudalità. Sotto il governo di Belcastro, con il titolo di università, fu indicato anche con il nome di Soveria di Catanzaro. Nel 1811, in seguito al riordino amministrativo, fu messo a capo del circondario comprendente i comuni di Simeri, Sellia e Zagarise.
1943
1956  Le origini di Sellia Marina sono recenti, essa divenne comune solo nel 1956 Sellia Marina è stato uno dei primi centri abitati della costa jonica. Le principali ragioni di questo fenomeno sono dovute alla presenza della malaria, e dal pericolo degli sbarchi. Essa venne fondata dagli abitanti di Sellia Superiore, un paesino sulle colline che andò sempre spopolandosi e gli abitanti si diressero verso la pianura 
                         Andamento  demografico durante i secoli
1276 la popolazione contava circa 244 fuochi cioè circa 1100 abitanti,poco meno di 3 secoli dopo nel 1532 era appena 101 fuochi cioè circa 500 abitanti ,nel 1545 157- nel 1582 283- nel 1595 130- nel 1648 130-nel 1666 120- nel 1795. 207- alla fine del 1700 circa 950 abitanti .Si può notare come la popolazione aumentava o diminuiva molto vistosamente a seconda dei vari periodi storici dovute a guerre,carestie, pestilenze o periodi di pace. Nel grafico sotto viene riportato il censimento durante un intero secolo: dal 1815 al 1901 con le rispettive nascite decessi e alcune volte i matrimoni ANNI     POP.                    M                  N              M

1815 1087
35 24
1816 1100
36 22
1818 1167 9 41 26
1819 1081 21 56 50
1820 1174 12 58 41
1821 1185 7 47 36
1822 1210
43 22
1823 1232
54 32
1825 1298
62 21
1826 1329
53 40
1827 1364
53 32
1828 1397
55 42
1830 1390
48 60
1849 1662
71 84
1853 1683
69 74
1854 1707
69 45
1856 1721
78 56
1858 …… 7 52 49
1859
15 43 14
1860
7 50 90
1861 1563 20 69 58
1871 1650 15 42 42
1881 1927 25 66 64
1891
23 70 55
1901 2083

 



Dal 1911 al 2001
ANNI--POP.
1911- 1527
1921 -1380
1931 -1303
1939 – 1390
1944 – 2600
1953 – 3300
1961- 1300* dopo la divisione con il comune di Sellia marina
1971- 990
1981 -855
1991 -714
2001 -596
2010 circa-520 abitanti.
Andamento demografico su Sellia ricerca di Sellia racconta
 Sellia foto Ieri...Oggi.
 http://selliaracconta.blogspot.it/p/foto.html
 http://selliaracconta.blogspot.it/p/foto-selliaoggi.html
Video realizzati da Selliaracconta
http://selliaracconta.blogspot.it/p/in-primo-piano.html