Benvenuti sul blog Sellia racconta il Comprensorio. Invia le tue segnalazioni,articoli,foto ecc ... a selliaracconta@gmail.com

W la liberta di pensiero.
" Non condivido le tue idee, ma mi batterò fino alla morte affinché tu possa esprimerle" ... Voltaire

martedì 28 luglio 2015

Dal reality di Agon Channel in Inghilterra alla Folgore. Storia del bomber Giuseppe Rotundo il quale con la maglia del Simeri Crichi ha realizzato 25 gol

Da un reality televisivo a Londra a Castelvetrano
a guidare l’attacco della Folgore. E’ la storia di Giuseppe Rotundo, il nuovo centravanti rossonero del prossimo campionato. La scorsa stagione Rotundo, classe 87, originario di Catanzaro, è stato uno dei concorrenti di un format televisivo sul calcio, condotto da Simona Ventura ed andato in onda su Agon Channel. L’obiettivo del talent show era quello di trovare nuovi calciatori per la stagione 2015/2016 per il Leyton Orient, squadra storica inglese militante in League One.
Il format era molto simile a quello adottato per il Cervia (il reality Campioni andato in onda nel 2004 su Mediaset). I giocatori del Cervia, guidati da Ciccio Graziani, però erano parte integrante di ciò che poi erano le vicissitudini del Cervia in campionato. I concorrenti della Ventura, invece, la realtà del Leyton Orient l'hanno solo e sempre costeggiata a colpi di prove e giudizi della giuria (composta dai vari Fabio Galante, Nicola Berti, Fulvio Collovati e Matteo Materazzi) e spinti dallo stimolo di ottenere, in seguito, un contratto in prima squadra.
Il reality non ha portato fortuna però alla squadra londinese che, al termine dello scorso campionato, è retrocessa in League Two. Il patron della squadra, l’imprenditore italiano Francesco Becchetti, che è anche il proprietario della Tv albanese Agon Channel, ha cercato in tutti i modi di salvare la squadra affidando ad Alessandro Moggi il compito di raddrizzare la stagione. Dopo tre allenatori bruciati in pochi mesi, la panchina era stata affidata in........

lunedì 27 luglio 2015

Lavori frettolosi all'ex Villa Nuccia di Mater Domini a Catanzaro; secondo voci sempre più insistenti si sta realizzando un centro di accoglienza per centinaia di immigrati.

"Sono alcuni giorni che attorno e dentro la struttura dell’ex-Villa Nuccia a Mater Domini i cittadini hanno notato la presenza attiva di qualche decina di operai che stanno lavorando per rimettere a posto i luoghi, ormai abbandonati da alcuni anni. 
Ed i cittadini si sono chiesti, senza che nessuno gli abbia dato alcuna risposta, a cosa erano dovuti quei lavori e quella che appariva chiaramente la fretta di portarli a termine". E' quanto scrive Natale Giaimo, portavoce segreteria Movimento Sociale Italiano-Fiamma Tricolore Catanzaro.

"E di queste domande e di queste richieste - continua la nota - si sono fatti carico i militanti della Sezione Cittadina del Movimento Sociale Italiano-Fiamma Tricolore che, tra ammiccamenti e velate ammissioni, hanno avuto sentore che pare che ai cittadini non dicano che quella struttura sarà adibita a centro di accoglienza per almeno un centinaio di immigrati, che ormai a migliaia ogni giorno sbarcano sulle nostre coste; pare che ai cittadini non dicano che nelle prossime ore ci sarà in Prefettura un vertice per pianificare i particolari dell’operazione; pare che ai cittadini non dicano che questa ubicazione sostituirà quella che era stata prevista a Cavita e che le proteste dei cittadini hanno scongiurato qualche mese fa; pare, infine, che ai cittadini non dicano che lorsignori se ne fregano del fatto che la presenza di un numero così rilevante di immigrati nel quartiere, in un momento in cui sono all’ordine del giorno disordini, proteste, aggressioni, violenze da parte di larghe frange di violenti e delinquenti presenti tra quanti veramente fuggono da guerre, persecuzioni e stermini sperando in una vita migliore, rappresenterebbe una bomba pronta a deflagrare minandone la sicurezza, soprattutto oggi che si stà cercando di rilanciarne la vivibilità sia economica che sociale con l’ubicazione della .........

venerdì 24 luglio 2015

Stasera tutti a Simeri! Per : Una notte per San Sebastiano “Speciale Piccola Lourdes” Premio Solidarietà 2015

                   Una notte per San Sebastiano
                                  “Speciale Piccola Lourdes”
                                                Premio Solidarietà 2015
Stasera appuntamento con l'importante evento estivo catanzarese, il Premio Solidarietà 2015 che sarà assegnato all’attrice Claudia Koll nel corso della terza edizione di “Una notte per San Sebastiano”, il prossimo 24 luglio a partire dalle 21,00, nella frazione Simeri (Cz) all’interno dei ruderi della Chiesa “Collegiata”.
L’evento di beneficenza è stato ideato dal parroco della Parrocchia Santa Maria Assunta di Simeri Don Francesco Cristofaro, conduttore televisivo e radiofonico. Anche per questa edizione l’obiettivo è quello di sostenere “La Piccola Lourdes”, la costruzione di una clinica di riabilitazione per bambini disabili in Burundi, progetto portato avanti dall’Associazione “Le Opere del Padre” fondata dalla Koll. La struttura sarà attrezzata con le più moderne tecnologie e una vasca per la riabilitazione in acqua. Racconta l’attrice: “Il centro riabilitativo intende accrescere l’autonomia delle persone diversamente abili, migliorare la qualità della loro vita, favorirne l’inserimento lavorativo e la loro integrazione all’interno della società facendo loro acquisire valore e dignità umana in quanto persone preziose agli occhi di Dio “.
Durante la manifestazione saranno assegnati altri importanti riconoscimenti. Tra i premiati, l’Associazione U.N.I.T.A.L.S.I. che da tanti anni opera per il sostegno, l’aiuto concreto verso le persone disabili, non solo con i pellegrinaggi a Lourdes e nei vari luoghi mariani, ma anche con il sostegno fattivo nelle varie sottosezioni italiane sparse in tutto il territorio. Ritirerà il premio il Presidente Della Calabria Amelia Mazzitelli.
Altro riconoscimento alla clinica di riabilitazione Aqua Salus di Sellia Marina diretta dal Dott. Roberto Colao che si distingue nel territorio catanzarese per le migliori cure riabilitative con metodi e attrezzature all’avanguardia anche attraverso la riabilitazione in acqua.
Un riconoscimento speciale a Caterina Zaffino e Leonardo Muccari per aver composto una bellissima canzone “Mio Dio Mio Re”, un vero inno alla fede, alla speranza, alla preghiera. Il Premio Solidarietà 2015 è realizzato dal Maestro Orafo Michele Affidato.
La serata, condotta da Paola Russo, giornalista di Padre Pio Tv sarà arricchita dalla testimonianza di Claudia Koll che sarà presente nella ...........

giovedì 23 luglio 2015

La forza è nell'unione dei comuni della presila. Prolifico incontro a Taverna presieduto dal presidente Bruno; presenti tra gli altri anche i sindaci di Sersale, Sellia, Zagarise, Albi, Fossato, Sorbo,Taverna. Prossimo appuntamento a Sersale.

                            L’unione fa la forza. 

Soprattutto se si tratta di mettere insieme le energie, le capacità programmatiche e gestionali dei piccoli Comuni dell’entroterra calabrese che vogliono essere protagonisti di una nuova pagina amministrativa, fatta prima di tutto di sviluppo delle potenzialità che puntano sulle singole identità facendo rete, sfruttando le opportunità offerte dall’Area Vasta. A partire dalle aree interne della provincia catanzarese. Ieri sera, nella sala consiliare del Comune di Taverna, i sindaci e gli amministratori dei Comuni della Presila erano in tanti, per ragionare e valutare le possibilità di creare un’ampia Unione dei Comuni rappresentativa di questa importante parte di territorio. Un confronto costruttivo e partecipato alla presenza del presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, su iniziativa del neo consigliere provinciale Davide Zicchinella e del sindaco di Taverna, Sebastiano Tarantino. Si tratta di un primo passo verso l’obiettivo di costituire un soggetto amministrativo rappresentativo di quest’area capace di gestire assieme servizi fondamentali come la raccolta dei rifiuti solidi urbani, ma anche guardare alla programmazione di opere viarie e infrastrutturali che siano in grado di rompere un atavico isolamento. Il presidente della Provincia di Catanzaro ha assicurato il sostegno dell’Ente intermedio nella creazione di una Unione dei Comuni che sappia diventare interlocutore della Regione e sviluppare programmazione attrattiva dei Fondi europei.
Presenti, oltre al presidente Bruno, al consigliere Zicchinella e al sindaco di Taverna Tarantino: il sindaco di Sersale, Salvatore Torchia; il sindaco di Sorbo San Basile Luigi Riccelli, e il vice Piero Mancuso; il sindaco di Albi, Gigi Piccoli; il vice sindaco di Albi Antonio Dardano e l’assessore Francesco Marchese; il vice sindaco di Taverna, Wladimir Vavalà e i consiglieri Giuseppe Gigliotti e Salvatore Lia; il sindaco di Fossato Serralta, Domenico Raffaelli; il consigliere comunale di Pentone, Vincenzo Marino; il sindaco di Carlopoli, Mario Talarico.
“È arrivato il momento di ragionare e iniziare una collaborazione vera, autentica – ha esordito il sindaco di Taverna – senza i soliti campanilismi. Fare rete non significa solo gestire i servizi in maniera associata per fare economia di scala e aggredire insieme i problemi, significa anche ragionare insieme in termini di comprensorio”. E quindi “essere protagonisti”, rimarca il consigliere provinciale e sindaco di Sellia, Davide Zicchinella, che sin dal suo insediamento non ha perso occasione di rimarcare di essere portavoce delle istanze dei piccoli comuni che l’hanno sostenuto. Zicchinella si fa portavoce della proposta illustrata assieme a Tarantino e rivolta ai sindaci e agli amministratori presenti: lavorare per creare un’Unione dei Comuni ampia e rappresentativa della Presila, insediando un tavolo di lavoro ad hoc; creare, con il sostegno della Provincia “e sempre con spirito costruttivo”, dice ancora Zicchinella, un’opera strategica di viabilità interna che possa rompere questo isolamento decennale. “Un’opera che sia economicamente sostenibile – ha detto ancora il sindaco di Sellia – ad impatto ambientale limitato, che sia strategica e serva il maggior numero di abitanti. La Provincia può essere protagonista in questo rapporto”.
Gli amministratori presenti hanno apprezzato la....

a seguire anche l'articolo del giornale uscito oggi a firma della giornalista Rosanna Bergamo