Archivio blog

giovedì 25 maggio 2017

Non conosce sosta l' attività svolta delle volanti di Catanzaro sul territorio del capoluogo.identificate 5900 persone,3 arresti per droga 17 denunce,controllate 185 veicoli,elevate 96 sanzioni amministrative,302 multe, ritirati 22 documenti

Diciassette denunce. È il bilancio delle attività svolte delle volanti di Catanzaro sul territorio del capoluogo, con la collaborazione del personale di Catanzaro Lido, Lamezia Terme e il reparto prevenzione crimine Calabria di Vibo. Così undici persone, già note alle forze dell’ordine per precedenti di polizia, sono state denunciate per inosservanza al foglio di via obbligatorio, altre quattro per violazione della misura di sorveglianza speciale, di cui una anche per inosservanza all’obbligo di dimora, ed un’altra per violazione della misura cautelare degli arresti domiciliari; un nigeriano, senza fissa dimora è stato segnalato, invece, per presenza illegale sul territorio nazionale. A seguito di alcuni servizi mirati al contrasto della detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, la Squadra Volante ha segnalato tre persone per detenzione di marijuana e cocaina e un'altra per la detenzione di 5 involucri contenente marijuana.
Durante il periodo in esame, complessivamente sono stati effettuati 229 posti di blocco, controllati 8752 veicoli, di cui circa il 65% con il sistema di controllo telematico delle targhe denominato “Mercurio”. Per violazione al Codice della Strada sono state elevate 302 multe, ritirati 22 documenti e in dieci casi si è proceduto anche al sequestro dei veicoli.
sono state identificate 5900 persone di cui 80 straniere, effettuati 480 controlli a soggetti sottoposti agli arresti domiciliari o a sorveglianza speciale. Ulteriore attività su strada è stata condotta dalle pattuglie della Sezione della Polizia Stradale che nell’ultimo fine settimana hanno.....

mercoledì 24 maggio 2017

L'artista Selliese "Mastro Fra" presenta un affascinante libro di favole destinato ai bambini, soprattutto a quelli che sono ricoverati nei reparti pediatrici ospedalieri

Credo sia un libro che i bambini saranno contenti di conservare, che forse torneranno a guardare tra molti anni, riserbando i ricordi e il fascino che le favole da sempre possiedono


“La pecorella saggia”, “La capretta golosa e diffidente”, “L’anatroccolo indeciso”, “Il contadino e il cavallo”. Queste e tante altre storie – favole e fiabe da leggere e da colorare – fanno parte dell’ultimo lavoro di Francesco Coppoletta, in arte Mastro Fra, destinato ai bambini, soprattutto a quelli che sono ricoverati nei reparti pediatrici ospedalieri. Un’iniziativa, quella di Francesco, totalmente senza scopo di lucro: i libri acquistati verranno distribuiti nei reparti dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio”. Non a caso, a condividere questa significativa esperienza di Art Teraphy è il cappellano dell’ospedale, padre Pasquale Pitari, che ne ha curato la pubblicazione. Il libro contiene cento testi, è diviso in favole (dove si parla di animali, piante) e in fiabe (i cui protagonisti sono esseri umani). A fianco dei testi, figura una pagina animata che i bambini possono divertirsi a colorare. “Credo sia un libro che i bambini saranno contenti di conservare, che forse torneranno a guardare tra molti anni, riserbando i ricordi e il fascino che le favole da sempre possiedono”. Francesco Coppoletta, originario di Sellia, piccolo e pittoresco borgo dell’hinterland catanzarese, proviene da una ricca e significativa esperienza nel volontariato, maturata in Umbria e in Calabria. L’opera di Mastrofra è una dimostrazione evidente di quanto la pittura possa comunicare oltre l’immagine e di quanto l’artista possa perfezionare il racconto emozionale. Altro elemento meritevole di menzione è l’impegno sociale che l’artista non ha mai perso di vista nel corso di tutta la sua carriera e che si è concretizzato in eventi e.......

martedì 23 maggio 2017

30 Kg di droga in giro da Catanzaro a Milano Bliz notturno con 21 arresti con l'accusa di Associazione mafiosa e traffico di droga

Dai numerosi episodi di traffico di cocaina si sarebbe ricostruita la dinamica e le ramificazioni di un’organizzazione che avrebbe gestito l’importazione della polvere bianca, in grossi quantitativi, dal Sudamerica. La base operativa era nel milanese, ad Arluno, e il gruppo collegato alla cosca di 'ndrangheta dei Gallace di Guardavalle, nel catanzarese, ma con ramificazioni tanto in Lombardia quanto nel Lazio, in particolare ad Anzio e Nettuno, in provincia di Roma.


Associazione mafiosa e traffico di droga: con queste accuse il gip di Milano su richiesta della Dia ha emesso 21 ordinanze di custodia cautelare in carcere che hanno eseguito i carabinieri di Milano. L’operazione, coordinata dal comando provinciale dell’Arma milanese, insieme al Ros, interessa le province di Milano, Monza e Brianza, Alessandria, Perugia, Catanzaro, Roma, Varese, Vercelli e contestualmente in Germania. Numerosi gli episodi di traffico di cocaina, in base ai quali è stata ricostruita la dinamica e le ramificazioni dell’organizzazione. All’indagine dei carabinieri ha dato impulso l’arresto in flagranza, nel settembre 2015, a Bareggio, nel Milanese, di uno degli indagati di oggi, che in quell’occasione era stato trovato in possesso di 30 kg. di cocaina. E’ emerso il “centro” era stato stabilito ad.......