mercoledì 26 luglio 2017

San Pietro Magisano denunciato 43 enne beccato con il furgone pieno di materiale pirotecnico abusivo Scoperto anche il deposito con numerosi prodotti illegali


A bordo di un furgone stava andando nei pressi di Roccelletta di Borgia, dove era previsto lo sparo di fuochi artificiali; qui avrebbe dovuto consegnare un significativo quantitativo di materiale esplodente ed esplosivo. Peccato che l’uomo, però, fermato da una pattuglia delle Volanti a bordo di un furgone, è risultato non avesse alcuna autorizzazione per il loro trasporto. Sul posto sono fatti intervenire così gli Artificieri del Nucleo Regionale di Catanzaro. Dalle indagini si è anche appurato che l’uomo, un 46enne, B.D., aveva un deposito abusivo a San Pietro Magisano, dove era custodito dell’altro materiale pirotecnico detenuto illegalmenteNumerosi i prodotti ritrovati, tutti composti da bombe cilindriche e sferiche, di vario calibro, oltre a batterie di tubi mono colpi e spolette di collegamento, contenuti in 27 imballi e classificati nella IV e V categoria degli esplosivi, tutto per un quantitativo di circa 440 Kg ed un contenuto esplosivo al netto pari a circa 132 kg, per i quali il conducente del furgone era appunto privo della regolare licenza di trasporto.
Pertanto il 43enne, già con diversi precedenti specifici di polizia, è stato denunciato in stato di libertàalla Procura di Catanzaro per detenzione illegale e trasporto abusivo di materiale esplodente. Il tutto è stato.....

martedì 25 luglio 2017

Siccità sempre più critica la situazione in Calabria la prima regione che ha chiesto la dichiarazione dello stato di calamità naturale. I danni ammontano a oltre 310 mln di euro


La Calabria chiede stato di calamità per i danni dovuti alla siccità

La Calabria è la prima regione ad avviare l'iter per chiedere al governo la dichiarazione dello stato di calamità naturale per i danni dovuti alla siccità. I danni ammontano a 310 mln di euro, secondo le stime della Coldiretti. La situazione più critica è quella del Crotonese. Il problema deriva innanzitutto dalle scarse nevicate dello scorso inverno sugli altopiani, in particolare sul massiccio della Sila. Per questa ragione la Sorical, nei mesi scorsi, ha inviato una lettera ai Comuni, invitandoli a gestire al meglio l'acqua disponibile, evitando in primo luogo gli sprechi derivanti da un utilizzo impropri o ma anche a vigilare sul fenomeno sugli allacci abusivi e a individuare e sanare eventuali perdite lungo le condotte.
I tantissimi  roghi di questi giorni  stanno divorando aree di macchia mediterranea. ultimi focolai le fiamme hanno avvolto un'ampia zona nel territorio di Andali, nella Presila catanzarese. A Sant'Andrea dello Jonio, le fiamme hanno causato disagi alla circolazione stradale sulla statale 106. Ieri in tutta la regione erano stati registrati 128 incendi. Nella Regione i danni ammontano a 310 mln di euro, secondo le stime della Coldiretti. Il 30% delle colture risulta compromesso e con le riserve idriche ridotte al 30%. La situazione più critica è quella del Crotonese. Potrebbe risultare compromessa la produzione di finocchi, per la quale l'area è particolarmente vocata. Il problema deriva innanzitutto dalle scarse nevicate dello scorso inverno sugli altopiani, in particolare sul massiccio della Sila.

L’allerta siccità in Calabria, scattata in questi ultimi giorni di canicola pre-agostana, ha un’origine lontana che si può desumere dalla consultazione delle mappe delle precipitazioni e delle temperature, confrontandole con i dati storici. Facendo ciò, “lo scenario analizzato evidenzia inequivocabilmente una carenza di riserva idrica molto marcata, che risulta palese nei territori centro settentrionali e tirrenici meridionali della regione, mentre appare mascherata lungo il versante jonico centro meridionale”.E’ la conclusione a cui giunge il “Rapporto sulle precipitazioni e valutazione del deficit idrico nel periodo ottobre 2016 – Giugno 2017”, che il Centro funzionale Multirischi dell’Arpacal, diretto dall’ing. Raffaele Niccoli, ha trasmesso questa mattina alla Regione Calabria che, proprio in queste ore, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità che sta colpendo il territorio calabrese. Il rapporto speditivo si pone l’obiettivo di quantificare e caratterizzare qualitativamente quello che viene indicato come periodo siccitoso, facendo ricorso alle elaborazioni dei dati provenienti dalla rete meteorologica nazionale, gestita in Calabria dal Centro Funzionale Multirischi dell’Arpacal. “Dall’analisi dei dati – riferisce il Rapporto – emerge che negli ultimi mesi il territorio regionale calabrese è sottoposto ad un marcato deficit di precipitazioni atmosferiche, soprattutto per quanto riguarda i versanti centro settentrionali della regione. Le mappe tematiche prodotte evidenziano che per l’intero periodo in studio si è registrato un diffuso e continuo deficit di precipitazione mensile rispetto alle medie storiche”. “La valutazione della distribuzione cumulata nell’intero periodo ottobre 2016 – giugno 2017 ed alla media relativa allo stesso periodo riferita ai valori misurati dal 1916 al 2016 – continua il Rapporto – evidenzia il sensibile deficit di apporto precipitativo soprattutto nei territori centro-settentrionali della regione”.“Anche dall’analisi dei dati di temperatura registrata sulla nostra regione si evince che per l’intero periodo in studio le temperature si sono mantenute al di sopra della.......

lunedì 24 luglio 2017

"Non accettiamo né gay, ne animali". Così il titolare di un villaggio turistico Calabrese ha risposto a una coppia omosessuale di Napoli che aveva scelto la struttura per trascorrere un weekend al mare.



 "Appena ristrutturata, dotata di una dependance indipendente e persino con piscina, alla coppia sembrava la soluzione perfetta per una vacanza di pochi giorni. Per questo, dopo aver regolarmente prenotato online, la coppia ha contattato il proprietario per chiedere informazioni aggiuntive. E un messaggio su Whatsapp è bastato per far crollare tutte le loro aspettative. La cortese disponibilità mostrata inizialmente dall’uomo si è esaurita poco dopo aver iniziato a dialogare con i ragazzi. Quando il titolare ha scoperto che a occupare la sua dependance sarebbe stata una coppia gay, ha dapprima scritto:  “È il primo anno che fittiamo e la depandanza è nuova nuova… finita a maggio”. Quindi, la precisazione: “Qui non si accettano né animali, né gay”, con la premessa: “Mi scuso se posso sembrare troglodita".
I due, a quel punto, hanno cancellato la prenotazione e, poi, si sono rivolto all’Arcigay di Napoli che ha resa pubblica la vicenda. Il linguista Massimo Arcangeli, venuto a conoscenza dell'accaduto, ha reso noto su Facebook le impressioni di uno dei membri della coppia: “Nella mia mente si è materializzata l'immagine storicamente e drammaticamente famosa dei cartelli nazisti esposti fuori dai negozi: vietato l'ingresso ai cani e agli ebrei. Da allora sono trascorsi ben 70 anni, ma da quegli eventi, probabilmente, molti non hanno tratto alcun insegnamento”. E ancora: “I soldi per l'affitto che io e il mio compagno gli avremmo dato non sarebbero stati uguali a quelli che avrebbe ricevuto da una qualsiasi coppia etero?“. Anche Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia, è intervenuto sul tema chiedendosi: "Fatemi capire bene: sono obbligato ad

sabato 22 luglio 2017

Sersale arrestato un 52 enne per coltivazione e spaccio di sostanze stupefacente mentre in località "Borda" irrigava piantine di canapa indiana alte anche 2 metri

Arrestato una persona per coltivazione  e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, sorpreso In  località Borda di Sersale mentre era intento a irrigare piante di canapa indiana 

Nei giorni scorsi a Sersale importante centro della Presila catanzarese nell'ambito dei servizi volti a contrastare il fenomeno legato alla produzione e vendita di sostanze stupefacenti, i militari dipendente nucleo operativo, unitamente a personale dipendenti stazioni,
 notavano, all'esito dell'osservazione sul sito, B.S. intento ad irrigare delle piante di canapa indiana nascoste al confine tra una sua proprietà e della fitta vegetazione. A seguito di approfonditi controlli che hanno interessato una più vasta area sono state rinvenute 140 piante di canapa indiana dell’altezza variabile tra i 60 cm ei 2 metri di altezza e una busta di plastica sigillata contenente circa 240 grammi di marijuana. Il tutto veniva posto sotto sequestro. Per il cinquantaduenne nato a Catanzaro ma residente a Sersale è inevitabilmente scattato l’arresto per coltivazione di canapa indiana e detenzione ai.......

venerdì 21 luglio 2017

Tutti a complimentarsi con il presidente Manno per l'esito dell’annosa controversia tra il Consorzio medesimo e l’impresa Astaldi S.p.A., relativa alla costruzione della diga sul Melito, Ma l'opera faraonica sarà mai realizzata?


Con una decisione molto attesa, la Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 17339 del 13 luglio 2017, ha accolto il ricorso del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese, rappresentato e difeso dall’avv. Beniamino Caravita Di Torritto, contro l’impresa Astaldi S.p.a., avverso la decisione della Corte di Appello di Roma n. 3247/2012 con conseguente cassazione della sentenza impugnata e rinvio alla Corte di Appello di Roma in diversa composizione, che dovrà procedere a nuovo esame della controversia
Presidente del Consorzio di Bonifica Grazioso Manno
“Per la Diga sul fiume Melito si aprono nuove prospettive di sviluppo. L’accoglimento da parte della Corte di Cassazione del ricorso del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese contro l’impresa Astaldi S.p.a segna un pagina storica che ripaga il presidente Grazioso Manno delle numerose battaglie fatte in questi anni”. E’ quanto afferma il consigliere regionale Mario Magno che osserva: “Senza voler entrare nel merito della sentenza e delle motivazione che da essa ne sono scaturite, mi trovo perfettamente d’accordo con il presidente Manno quando sottolinea la straordinaria importanza della Diga sul Melito, in particolar modo in un momento di siccità e desertificazione in cui l’emergenza idrica investe irrimediabilmente nostri territori. La Diga, nel suo disegno originario, avrebbe, infatti dovuto fornire acqua potabile a mezzo milione di cittadini calabresi e produrre energia elettrica. Con il passare del tempo da infrastruttura fondamentale per lo sviluppo dell’area centrale della Calabria ha, purtroppo, dato origine a querelle politico-giudiziarie che non hanno agevolato lo sviluppo della nostra Regione”.


Confagricoltura
Con viva soddisfazione abbiamo appreso che Suprema Corta di Cassazione, nei giorni scorsi, ha accolto il ricorso del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese, ribaltando un precedente pronunciamento della Corte di Appello di Roma e, di fatto, riaprendo e rinviando a nuovo esame l’annosa controversia tra il Consorzio medesimo e l’impresa Astaldi S.p.A., relativa alla costruzione della diga sul Melito.
Non entriamo nel merito della vicenda giudiziaria, fiduciosi nel fatto che il riesame delle ragioni di controversia, veda riconosciuti e riaffermati i diritti del nostro Consorzio di Bonifica.
Sindaco Fossato Serralta
Arriva come un appuntamento tanto atteso la pronuncia della Corte di Cassazione che ha accolto il ricorso del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese, avverso la decisione della Corte di Appello di Roma n. 3247/2012 con conseguente cassazione della sentenza impugnata e rinvio alla Corte di Appello di Roma in diversa composizione, che dovrà procedere a nuovo esame della controversia, “motivando adeguatamente sulle singole questioni e facendo applicazione di principi di diritto”. Un primo passo in avanti verso il raggiungimento dell’agognato risultato: la realizzazione della diga sul Melito, la più grande opera incompiuta della Calabria. La soddisfazione per l’attesa pronuncia giunge dal Sindaco di Fossato Serralta, dottor Domenico Raffaele, che si congratula con il Presidente del Consorzio di Bonifica, Grazioso Manno, per l’impegno profuso affinchè questa situazione si concluda con esito positivo. 
Sindaco di Catanzaro Sergio Abramo
“Accogliendo il ricorso del Consorzio di bonifica “Ionio catanzarese”, la Corte di Cassazione ha dato ragione alle tesi sostenute da sempre dal presidente Grazioso Manno: ora si può procedere con il rifinanziamento di un’opera strategica per il capoluogo e il suo comprensorio, non solo dal punto di vista dell’approvvigionamento idrico, ma anche sul piano della tutela dell’ambiente”. È il commento del sindaco Sergio Abramo che ha sottolineato “la giustezza delle argomentazioni di Manno, che si è speso per anni proprio per arrivare a un risultato che dovrà portare alla concreta realizzazione dell’infrastruttura. Bene ha fatto Manno a non fermarsi mai in questa lunga battaglia, a coinvolgere sindaci e istituzioni, a intervenire a più riprese sui media per sensibilizzare i cittadini, a decidere gesti anche eclatanti come lo sciopero della fame: la sua caparbietà è stata un esempio di amore per la propria terra. Ed è stata anche una lotta a favore della legalità e della trasparenza, assolutamente condivisibile per le motivazioni che ne stanno alla base e che riguardano lo sviluppo di una fascia ampissima dell’area centrale della Calabria.

Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria
Non abbiamo dubbi nell’affermare che, accogliendo il ricorso delConsorzio di Bonifica Ionio Catanzarese, la decisione della Suprema Corte di Cassazione, che ha cassato la sentenza impugnata con rinvio alla Corte di Appello di Roma in diversa composizione, che dovrà ora procedere a nuovo esame della controversia”.
si è delineata una situazione positiva sicuramente di maggior chiarezza e ci sono, per le istituzioni regionali e nazionali interessate condizioni, anche abbastanza rassicuranti, per compiere passi decisivi e definitivi per dare un futuro possibile a quest’opera che da sempre riteniamo essenziale per l’agricoltura di qualità, e come bene a servizio delle popolazioni della Calabria Centrale e quindi supportata da una netta prevalenza dei benefici”.

Wanda Ferro esponente di Gruppo Misto in regione
 i vantaggi: "la sentenza della corte di cassazione che nei giorni scorsi ha accolto il ricorso del consorzio di bonifica Ionio Catanzarese, disponendo un nuovo esame della.......

giovedì 20 luglio 2017

La polizia di Stato ha arrestato a Catanzaro un giovane di 27 per maltrattamenti alla sua compagna.Tre anni di convivenza con un'incredibile escalation di molestie, pedinamenti ed aggressioni verbali e fisiche sfociate, in alcune occasioni, con la necessità per la donna di ricorrere alle cure dell'ospedale.


La polizia di Stato ha arrestato a Catanzaro un giovane di 27 anni, S.V., accusato di avere messo in atto maltrattamenti reiterati, accompagnati da lesioni personali aggravate, e minacce nei confronti della giovane ex convivente. 
L'arresto é stato fatto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emesso dal Gip di Catanzaro su richiesta della Procura della Repubblica. Le indagini che hanno portato all'arresto di S.V. sono state avviate dopo la denunzia presentata dall'ex convivente del giovane ed hanno consentito di accertare la veridicità di quanto riferito dalla donna in ordine ai maltrattamenti ed alle violenze che é stata costretta a subire nel corso dei tre anni di convivenza con S.V.. Un'incredibile escalation di molestie, pedinamenti ed aggressioni verbali e fisiche sfociate, in alcune occasioni, con la necessità per la donna di ricorrere alle cure dell'ospedale di Catanzaro.
Nonostante una prima ordinanza dell’Autorità Giudiziaria che prevedeva il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima e il contestuale obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, S.V. non avrebbe interrotto i suoi comportamenti aggressivi e minacciosi nei confronti dell’ex convivente; anzi, avrebbe aggravato la situazione con atti persecutori fino ad introdursi nell’abitazione della donna per tagliare tutti i suoi vestiti, danneggiare gli arredi, maltrattarne i familiari. Gli agenti, mantenendo continui e costanti rapporti con la vittima, hanno appurato e segnalato all’autorità l’incredibile escalation di molestie, pedinamenti, aggressioni verbali e fisiche, in alcuni casi con la necessità di ricorrere alle cure mediche, messi in atto dal giovane.Sulla scorta degli elementi raccolti nel corso dell’attività investigativa, considerata la pericolosità di S.V., peraltro già noto alla polizia come soggetto vicino alla..........