Benvenuti sul blog Sellia racconta il Comprensorio. Invia le tue segnalazioni,articoli,foto ecc ... a selliaracconta@gmail.com

W la liberta di pensiero.
" Non condivido le tue idee, ma mi batterò fino alla morte affinché tu possa esprimerle" ... Voltaire

mercoledì 27 maggio 2015

Don Dino il prete pedofilo per il bene dei bambini .Gestiva un giro di baby gigolò con ben 1.700 foto pedo pornografiche rinvenute sul suo pc, mentre stava realizzando ( con 12 bambini sostituiti agli apostoli) la Bibbia in chiave erotica.

Il parroco è stato beccato in flagranza di reato: custodiva la bellezza di1700 foto pedopornografiche sul suo computer e gestiva un giro dibaby gigolò alla Stazione Termini di Roma.
 
 Come riportato dal Messaggero, Don Dino avrebbe detto che "si era sparsa la voce che sono bravo a scattare foto di nudi, Così diversi ragazzini mi hanno chiesto di realizzare dei book per sfondare nel cinema erotico. Mi sono prestato, credendo di aiutarli. Ma non mi sono mai spinto oltre, non ho mai sfiorato un bambino, mai preso dei soldi. Giustificazioni che non reggono ma Don Dino, al secoloPlacido Greco, il sacerdote di Fiumicino accusato di sfruttamento della prostituzione minorile e pedopornogra, respinge le accuse. E intanto spunta un altro squallido particolare: sembra proprio che Don Dino abbia riscritto la Bibba in chiave erotica, con 12 bambini sostituiti agli apostoli.
. L’indagato aveva anche velleità artistiche: scriveva libri a luci rosse sotto pseudonimo. Aveva addirittura ripensato la Bibbia in chiave erotica: al posto dei 12 apostoli, comparivano altrettanti ragazzini deviati. La sua posizione giudiziaria nel frattempo si è aggravata: inizialmente, gli inquirenti lo accusavano di essersi intrattenuto solo con due minori, ma dagli accertamenti è emerso che avrebbe avvicinato almeno una decina di giovanissimi. D’altronde, l’inchiesta va avanti da quasi 2 anni. Gli indagati sono 17, in 9 sono stati sottoposti a misura. Il decimo, un ottantenne, è morto qualche giorno prima della notifica dell’ordine d’arresto.
 DON DINO, IL LEGALE: "FOTO HARD? NON SAPEVA FOSSERO MINORENNI" Sergio Ruperto, avvocato difensore di Padre Placido Greco alias Don Dino, sacerdote accusato di prostituzione minorile e pedo pornografia, arrestato in flagranza di reato dagli agenti della Polfer di Roma Termini per la quantità di foto illegali custodite in un archivio del suo computer, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, per parlare della posizione del suo assistito. «Sabato scorso - ha detto il legale - è stata fatta la convalida dell'arresto in carcere e lui si è difeso sostenendo che non sapesse nulla a proposito dell'adescamento dei giovanissimi e dicendo che andava alla Stazione Termini a cogliere il suo sacerdozio, per fare beneficenza e aiutare i barboni. Per quanto riguarda le foto, lui ha sostenuto che la prima volta era andato da lui un ragazzino a pregarlo di fargli delle foto che gli servivano per partecipare a un film porno. Il ragazzo era minorenne, ma lui non lo sapeva. Ha detto che a quell'età, diciassette diciotto anni, è complicato capire se uno è minorenne.
Dopo è partito un passaparola tra i ragazzi e in tanti sono andati da lui a farsi fare queste foto». A proposito della Bibbia a luci rosse che il sacerdote avrebbe scritto, l'avvocato di Don Dino dice a Radio Cusano Campus: «Non ha mai scritto una Bibbia, ha scritto alcune pagine a forma di romanzo. A luci rosse? Non lo so, scrivere era una sua passione. Ma il mio assistito nega fermamente di essere un pedofilo e sostiene di non aver mai avuto rapporti con minorenni dietro compenso». L'avvocato di Padre Placido ha già presentato istanza di scarcerazione: «Ho già fatto in sede di convalida dell'arresto istanza di scarcerazione ma il gip l'ha respinta perché .........

martedì 26 maggio 2015

Simeri Crichi; Importanti lavori di mitigazione del rischio idrogeologico (dopo le rovinose esondazioni negli inverni 2013- 2014) alla foce del fiume "Simeri" per un importo di circa 1,5 milioni di euro

Interventi urgenti e prioritari alla foce del fiume Simeri


Alla conferenza di servizi dello scorso 18 maggio, il Comune di Simeri Crichi ha reso all’Ufficio del Commissario Straordinario Delegato parere favorevole, con la certificazione sull’assenza di vincoli inibitori agli interventi di sistemazione idraulica lungo il fiume Simeri, per un importo complessivo di 1.500.000 euro. Ente attuatore è la Provincia di Catanzaro, i fondi sono nazionali e Fas 2007/2013, la legge di riferimento è la 191/2009. il codice dell’opera CZ045A/2010, “Interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico”.
Si tratta del progetto di ripristino dell’officiosità idraulica del fiume nel tratto terminale, nei territori di Simeri Crichi e Sellia Marina e di riqualificazione ambientale del corso d’acqua, che presenta chiari caratteri torrentizi. L’intervento riguarda il tratto fociale, lasciando i restanti tratti a monte ad altro intervento parallelo.
In pratica viene riconosciuto lo stato di degrado generale del fiume (esteso 22,12 km) per carenza di manutenzione delle opere di difesa e delle ripe naturali, oltre che per innalzamento in alcuni punti delle quote di alveo, sviluppo di vegetazione naturale, erosione spondale, che hanno fatto registrare diverse esondazioni alla foce, in particolare negli inverni 2013 e 2014. L’acqua del fiume e del mare invasero i fabbricati adiacenti l’area fluviale di Homomorto, nel tratto particolarmente esposto ai fenomeni alluvionali.
“In quell’occasione io e il sindaco Marcello Barberio ci dotammo di stivaloni per portarci sul posto e guidare i primissimi inderogabili interventi, con anticipazioni finanziarie comunali, al fine di evitare un vero e proprio disastro, dalle conseguenze incalcolabili”, ha dichiarato il delegato di Simeri Mare, Luciano Corapi. L’intervento previsto tende a garantire il consolidamento degli argini e migliori condizioni di deflusso a fronte degli eventi di piena. In sostanza si vogliono limitare i fenomeni di erosione in atto a dx e sx idraulica e le esondazioni a destra, oltre che la piena funzionalità delle opere infrastrutturali (impianto di depurazione delle acque).
In dettaglio sono previsti, oltre alla pulizia straordinaria, lavori di arginatura in dx e sx idraulica, protezione in scogliera in sx e dx idraulica, scogliere in massi ciclopici, regolarizzazione del fondo e vari interventi di idraulica naturale, con un crono programma che prevede un’adeguata sollecitudine nel completamento degli interventi, tanto reclamati negli anni e ora in fase d’arrivo, in attuazione del Pai (piano di assetto idrogeologico) regionale, delle opzioni programmatiche della nuova Provincia guidata da Enzo Bruno e delle corali sollecitazioni dei........

lunedì 25 maggio 2015

Sono iniziati nei giorni scorsi i lavori di ripristino della viabilità interpoderale a servizio del comprensorio agricolo del comune di Sersale. Intervento fortemente voluto dall'amministrazione comunale e dall'assessore alle politiche agricole Franco Ardimentoso ,grazie a un finanziamento di 150 mila euro

Nei giorni scorsi hanno preso il via i lavori di ripristino della viabilità interpoderale a servizio del comprensorio agricolo delle località “Cipino-Gentile-Rupa” del Comune di Sersale.

L’intervento, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di Sersale e dall’assessore alle politiche agricole Franco Ardimentoso, sarà realizzato grazie ad un finanziamento regionale di € 150.000,00 (Asse I Misura 125 Miglioramento e sviluppo delle infrastrutture che incidono sullo sviluppo dell’agricoltura. Azione 1 – Strade interpoderali).


La sistemazione della viabilità interpoderale interesserà un vasto comprensorio agricolo, posto ad una altitudine media di 500 m.s.l., da sempre rinomato per l’altissima qualità dell’olio di oliva che vi si produce in grande quantità dagli uliveti presenti. Basti pensare che in passato, per la grande quantità di uliveti, erano attivi, sul posto, anche dei frantoi, alcuni dei quali ancora oggi catturano l’attenzione per la loro bellezza.
Inoltre, il ripristino e miglioramento della viabilità del comprensorio agricolo delle località “Cipino-Gentile-Rupa”, sarà di fondamentale importanza anche dal punto di vista turistico in quanto consentirà un agevole accesso ad uno dei più belli e suggestivi siti naturalistici del territorio di Sersale, la bellissima cascata dell’Inferno, scoperta e valorizzata dal Dr. Carmine Lupia, botanico ed esperto di sistemi dai valorizzazione turistica, e dalla Cooperativa “Segreti Mediterranei” di Sersale.   
Nelle foto: la tabella di cantiere, parte dei lavori in corso di realizzazione, l’interno di un antico frantoio e la .......

venerdì 22 maggio 2015

I carabinieri della locale stazione di Zagarise coadiuvati dalla Compagnia di Sellia Marina hanno colto in flagranza di reato un giovane di 24 anni mentre rubava in una abitazione di Magisano.

carabinieri della Stazione di Zagarise e della Compagnia di Sellia Marina hanno arrestato, in flagranza di reato, O.G., di 24 anni, di Catanzaro, poiché è stato sorpreso mentre rubava in un'abitazione. Il giovane è stato fermato in una casa di Magisano mentre portava via un portafoglialcuni orologi e monili in oro. Dopo l'arresto il 24enne è stato posto ai domiciliari a disposizione dell'A.G


 E’ stato sorpreso mentre rubava in un’abitazione. Per questo i carabinieri della Stazione di Zagarise e della Compagnia di Sellia Marina hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un giovane di 24 anni, O.G., residente a Catanzaro.
Il ventiquattrenne è stato bloccato in un’abitazione di Magisano mentre portava via un portafogli, alcuni orologi e monili in oro. Dopo l’arresto il giovane è stato posto......

giovedì 21 maggio 2015

Simeri Crichi: In un clima di autentica commozione per via del funerale di un giovane del luogo, il consiglio comunaleha approvato a maggioranza il rendiconto di gestione dell’esercizio 2014 Il conto consuntivo si chiude con un avanzo di amministrazione di 2 mln.

Consiglio Comunale Simeri Crichi
CONTO CONSUNTIVO E ORDINE PUBBLICO


In un clima di autentica commozione per via del funerale di un giovane del luogo, il consiglio comunale, debitamente convocato dalla presidente Clementina Colao, ha approvato a maggioranza il rendiconto di gestione dell’esercizio 2014, il piano finanziario per l’applicazione del tributo comunale sui rifiuti, le tariffe Tari 2015 e le aliquote d’imposta Imu, per come predisposti dagli uffici finanziari e tributari dell’assessorato di Antonio Domenico Zangari.
Il conto consuntivo si chiude con un avanzo di amministrazione di 2 mln di euro, di cui 500.000 di fondi non vincolati. Uno dei pochi comuni virtuosi in termini di finanza, anche se, ha sottolineato il sindaco Marcello Barberio, continua a condizionare la spesa il patto di stabilità interno, che nel 2014 è stato rispettato, come certificato dal collegio dei revisori.
La Tari deve assicurare per legge la copertura integrale dei costi d’investimento e di esercizio anche per quanto riguarda i rsu.; il comune versa circa 700.000 euro all’anno (tra parte fissa e parte variabile), L’Imu è rimasta invariata (0,4% per prima casa ed esenzioni come per l’anno precedente), con la novità del tributo per i terreni agricoli condotti da non coltivatori diretti e da non imprenditori agricoli a titolo principale.
Gran parte della discussione è stata incentrata sulla relazione del sindaco Barberio sulla sicurezza pubblica, anche a seguito di fatti criminosi recenti , ma anche della cosiddetta microcriminalità.E’ stata chiarita la normativa sulla videosorveglianza, con la direttiva  ministeriale 558/2012 e con le linee guida dell’Anci. La scarsità dei finanziamenti Pon Sicurezza rappresenta una forte limitazione nel raggiungimento dell’obiettivo della tutela territoriale dall’attività criminosa, che condiziona lo sviluppo economico e sociale e mina la civile convivenza delle varie comunità.
“Tutto questo non c’impedisce di dare il giusto rilievo a un atto significativo e unanime del consiglio, che ha concesso in comodato gratuito un proprio immobile da adibire a caserma dei carabinieri, che a giorni potrà rientrare dopo il ripiegamento a Sellia Marina.Ciò a conferma che........

mercoledì 20 maggio 2015

Nell'ambito del progetto "Gutemberg" gli alunni dell'Istituto Comprensivo di Taverna hanno incontrato L'autrice del libro " Ilaria Alpi la ragazza che voleva raccontare l'inferno"



Gli alunni Dell’Istituto Comprensivo di Taverna, diretto da Concetta Fichera, hanno  incontrato   Gigliola Alvisi, autrice del libro Ilaria Alpi-La ragazza che voleva raccontare l’inferno”, nell’ambito del PROGETTO GUTEMBERG promosso dal Liceo Classico Galluppi di Catanzaro, diretto da Elena De Filippis,   del quale è referente per Taverna  la prof.ssa Rita Catizone.  Il libro di Gigliola  Alvisi è dedicato a Luciana Alpi, la mamma di Ilaria: «che in questi venti anni ha combattuto con dignità e coraggio».,   narra la vicenda, che per anni è rimasta irrisolta, della giovane giornalista italiana, corrispondente del TG3, uccisa il 20 marzo 1994 a Mogadiscio, insieme al fotografo e cineoperatore Miran Hrovatin.
Nel libro si incontrano le vite di Ilaria, la collega ed amica Starlin Arush, Jamila e sua madre Amina, la giovane Lul, Hawa, Laila   sotto i colpi di una guerra spietata e crudele, quella in Somalia:  Ilaria guarda la guerra con gli stessi occhi delle altre donne, conservando un’attenzione speciale per i bambini e per gli aspetti concreti della vita quotidiana, solitamente lasciati fuori dall’inquadratura della telecamera.
Dopo una breve introduzione a cura del prof.  Vincenzo Marino sui  temi  della  lettura e della serietà del lavoro di giornalista, sull’importanza di non  dimenticare la storia di Ilaria Alpi, vari sono stati gli interventi dei ragazzi sull’ importanza di  leggere, sulla bellezza di questo libro che è adatto sia a ragazzi che ad adulti, sulla problematicità del tema trattato però con gradevole semplicità .Ancora un passo avanti dell’IC di Taverna per istruire gli alunni  e per  educare alla legalità: infatti  Ilaria Alpi  con le sue indagini aveva toccato meccanismi economici e finanziari illegali molto più grandi delle sue forze: ma.........