dal 2009 insieme a voi



Invia le tue segnalazioni, articoli, foto a: selliaracconta@gmail.com oppure su facebook zagorsellia .

domenica 8 aprile 2012

Buona Pasqua 2012 a tutti da Zagor & Selliaracconta Con L'augurio che possiamo guardare il mondo con gli occhi di un bambino.


Per quanti di voi  che come me avete superato gli ….anta certamente nei vostri ricordi più cari si trova il periodo della Santa Pasqua la quale si viveva in modo molto diverso da oggi, certamente non con  uova,ovetti di cioccolata, l’uovo quello vero era sistemato sopra le “cuzzupe”
 tante tantissime” cuzzupe” ma anche tozzetti  alle mandorle dolcetti all’anice ecc   che venivano portate “a ru fornu de Nicola” Si vedevano tante “lannie “  piene di prelibatezze pasquali, abilmente sistemate sulle teste delle nostre madri, che scendevano “a ri Palazzini”  una volta arrivate pazientemente aspettavano il proprio turno per infornarle. La Settimana Santa era un susseguirsi di appuntamenti religiosi che scandivano in modo molto partecipato l’avvicinarsi della resurrezione di Gesù. Il Mercoledì Santo  si assisteva ad una vera disputa tra le bambine tra chi doveva custodire gelosamente le chiavi del S.S. Sacramento, tanto che spesso si doveva ricorrere a un sorteggio. Le Campane “ammutavanu”in segno di lutto per la passione di Gesù. La “Toppita” aveva il compito di prendere momentaneamente il posto delle campane, la si sentiva suonare tra  le viuzze del borgo oltre che per avvisare l’inizio delle varie funzioni anche alle 8 di mattina come a mezzogiorno.  Vedere la suggestiva statua dell’Addolorata che  la si poteva ammirare solo durante la Settimana Santa (durante il restante periodo dell’anno veniva serbata nella sacrestia) aumentando così lo stupore, venendo rapiti suo  dolore, mi ricordo che da piccolo in più di una occasione mentre l’osservavo mi sono scese  le lacrime pensando il forte dolore che ha dovuto provare nel vedere il suo giovane figlio ucciso crudelmente sulla croce. Ma dopo i giorni di dolore, di buio, di smarrimento,di disperazione arrivava la luce della....
Resurrezione  “Sparava a Gloria” noi bambini gioiosi veramente come una pasqua, sventolavamo le bandiere durante la processione con Gesù Risorto e L’immacolata che durante la “Cunfrunta” aveva perso quel manto nero di lutto per far posto al bellissimo manto di festa.
Auguri di cuore di una Santa Pasqua a tutti con l’augurio la speranza che ognuno di noi possa riscoprire quei valori veri,puri,genuini della vita magari ritornando a vedere le cose con gli occhi di un bambino, quel bambino che si trova dentro ognuno di noi, quel bambino che vede tutto senza malizia,senza odio,senza  rancore ma solo con amore.
Un bambino guardò una stella e si mise a piangere.
La stella disse:
"Bambino perchè piangi?"
Allora il bambino disse:
"Sei così lontana non potrò mai toccarti."
La stella rispose:
"Bambino se io non fossi già nel tuo cuore tu non potresti vedermi..."
Buona Pasqua da Zagor &  Selliaracconta