Dal 2009 Sellia racconta il Comprensorio offre un piccolo spazio di informazione tutto in modo totalmente gratuito senza un minimo di pubblicità animato solo dall'amore verso il nostro stupendo territorio.Oltre il 70% dei servizi sono inviati dai vari lettori, amministratori, enti, associazioni ecc...Solo nel mese di luglio 2017 il blog ha totalizzato ben 74.720 contatti ( fonte Google) il tutto da fastidio a chi spinto dall'invidia o da rancori per qualche servizio pubblicato che li da fastidio fa di tutto per bloccarci Ma il blog non si ferma forte del crescente consenso forte della vostra stima Grazie!

lunedì 31 ottobre 2016

“ZERO TITULI” per Progetto Sersale parafrasando una famosa frase di Mourinho,

                                             ZERO TITULI                                                          
Più di un anno fa il Consiglio Comunale delegò il Sindaco a rappresentare Sersale al tavolo per la costituzione dell’Unione dei Comuni della Presila, una partita ambiziosa nella quale il ruolo dei comuni più grandi, la loro capacità di attrarre i più piccoli, è fondamentale. Senonché, in occasione dell’ultimo consiglio, il Sindaco, interrogato sull’Unione risponde: “non ci sono novità… io concettualmente sono per le individualità territoriali…” Più che un’opinione, è una profezia…ovvero, la sintesi del ruolo di Sersale nel comprensorio……..inesistente !!!!!
Eppure questo Sindaco sembra sempre indaffarato a promuovere il nome di Sersale: la Serie D, feste rinomate in tutta la provincia, importanti opere pubbliche, addirittura una richiesta del riconoscimento del titolo di città per il nostro comune.
Ma a parte questa ultima trovata pubblicitaria, i vanti di questa amministrazione sono meriti altrui, di associazioni sersalesi o altre amministrazioni (pensiamo alla strada Sersale-Cropani). Il resto è SOLO PUBBLICITA’.
Perché i “successi” di Progetto Sersale sul piano della guida di questo comprensorio neanche si contano:
Rammentiamo le elezioni provinciali 2009 quando Progetto Sersale schierò 4 o 5 consiglieri comunali in altrettante liste decretando la sconfitta del proprio Sindaco Vera Scalfaro. Quando si ha ben in mente di rappresentare il proprio territorio quale strategia migliore del marciare divisi per colpire uniti?!
Altra disfatta è avvenuta con il MaB Sila, una fondazione per la promozione della Biodiversità nel Parco Nazionale della Sila, dove il candidato di Progetto Sersale non è stato eletto dai delegati dei comuni limitrofi.
Altra sconfitta l’abbiamo ottenuta con il CRAL (comitato regionale per le aree interne) dove addirittura, Sersale è praticamente escluso dal piano di intervento della strategia Nazionale e Regionale per le Aree interne.
Per non parlare poi del GAL (gruppo di azione locale) dove non abbiamo praticamente nessun rappresentante nel Consiglio di Amministrazione.
1231 sono stati i consensi maturati da Torchia alle ultime elezioni provinciali, quel che si dice un successone!
Ancora meno consensi del 2014, quando Torchia si mascherò nella lista civica dei Sindaci per la Provincia; ormai non basta più nemmeno l’investitura a coordinatore di Forza Italia e la critica al Presidente Bruno (ma solo dopo avergli votato il bilancio) secondo l’ordine ricevuto da Mimmo Tallini.
Indiscutibili successi che ci fanno dire, parafrasando un profetico Mourinho, Progetto Sersale ha conquistato “ZERO TITULI” da quando governa questo comune. A che serve il titolo di città, se Sersale non è capofila di nessuna iniziativa che vada oltre San Pasquale? A cosa serve avere il …Sindaco più amato e operoso che Sersale abbia mai avuto, se lo stesso, non riesce a dire una parola condivisa oltre il proprio profilo facebook?
È proprio la figura del Sindaco ad essere inadeguata a garantire un ruolo per Sersale. Gli esponenti di Progetto Sersale non sono mai riusciti a costruire un ruolo di guida: eppure siamo il comune più grande del comprensorio, con ben due scuole secondarie, un polo sanitario, un istituto comprensivo, le più rinomate attrattive turistiche, un corposo gruppo di associazioni reali, personale comunale ricercato, e tanti altri meriti che ci potrebbero far giocare una partita di ben più alto profilo.
Non dominare, ma guidare, assecondare, coordinare, collaborare coi comuni limitrofi sviluppando più moderni ed efficienti servizi alla collettività, rappresentandoli in ambito provinciale o regionale, tracciando sentieri di promozione turistica, guidando il percorso dello sviluppo locale.
Invece NULLA! Salvatore Torchia preferisce essere principe del suo comune, esaltando la propria individualità, piuttosto che leader di questa area. Preferisce curare la sua immagine piuttosto che quella del suo comune, ridotto ormai ad un paesone con belle storie ma nessun ruolo.
Ne è esempio la sua simpatica nota sulle ultime provinciali, che recita: “senza buoni rapporti istituzionali non si va lontano”.
Finché amici personali come Donna Wanda e Don Michele occupano la Provincia allora si brilla di luce riflessa, ma quando i colori cambiano Sersale finisce nel dimenticatoio… proprio perché il suo Sindaco non è capace di avere un ruolo politico.
Proprio per amor di politica potrebbe spiegarci come mai ha votato il bilancio 2015 di Enzo Bruno, seppur lo abbia attaccato sonoramente e sebbene si sia.........

venerdì 28 ottobre 2016

Prostituzione lungo la SS 106 Bliz dei Carabinieri identificate 12 donne, denunciati due uomini che davano in fitto le case lungo la costa Catanzarese.

È guerra aperta alla prostituzione nel soveratese dove i carabinieri della cittadina costiera e i colleghi di Davoli hanno eseguito un’operazione controllando diversi appartamenti in cui si presumeva venisse esercitata l’attività. In questo contesto sono state così identificate 12 donne, la maggior parte straniere: due rumene, altrettante brasilianeuna domenicanae le restanti italiane. Per sette di loro, che avevano i documenti in regola per stare in Italia e ne cui confronti è stato accertato che effettivamente si prostituivano nella case in affitto, ed una sola per strada, si è avviato il procedimento per il foglio di via obbligatorioSuccessivamente i militari si sono messi alla ricerca anche dei presunti responsabili e sfruttatori delle donne identificate deferendo in stato di libertà due italiani, un 35enne, M.V. ed un 67enne, C.A., che dovranno rispondere rispettivamente di sfruttamento della prostituzione - per aver ceduto in affitto un appartamento di proprietà sapendo che nella stessa si effettuasse il meretricio, e di favoreggiamento per aver avuto delle condotte che ne avrebbero agevolato l’attività. I controlli dei carabinieri sono stati eseguiti soprattutto durante la......

giovedì 27 ottobre 2016

"O tuo marito mi paga o morirete" Le continue minacce anonime telefoniche anche in piena notte partivano dalla cittadella regionale.

 Una storia torbida che si incrocia con la gestione di un bando riservato ai giovani Neet. La Procura di Catanzaro vuole vederci chiaro


«O tuo marito mi paga o morite». Le minacce a Giuseppe Mancini, ex capostruttura del dipartimento Lavoro, sono esplicite. È un'escalation che inizia a giugno con le prime telefonate anonime sul suo cellulare. Mancini si occupa di "Iniziativa occupazione giovani", il programma di politiche attive nei confronti di giovani tra i 18 e i 29 anni, delle aziende e delle agenzie accreditate (quelle in cui si svolgono i tirocini) e anche dei pagamenti. Nel corso di quelle prime chiamate, al dirigente viene intimato di pagare i tirocini, pena ritorsioni contro la propria autovettura. Da luglio in poi, però, la situazione diventa più "calda". L'anonimo prende di mira l'abitazione del manager, minacciando di morte lui e i suoi familiari. E il 9 settembre Mancini denuncia tutto ai carabinieri. All'ultima telefonata ha risposto sua moglie. Dall'altro capo del telefono c'era un uomo. Ha pronunciato soltanto una frase, poi ha riattaccato: «O tuo marito mi paga o morite».

CHIAMATE DALLA CITTADELLA La prima parte della storia finisce qui. Da questo momento in poi iniziano le indagini dei carabinieri. Non è sempre facile riuscire a rintracciare una chiamata anonima. Servono tempo, pazienza, applicazione. Ma il cerchio, prima o poi, si chiude. Quando i carabinieri arrivano al primo risultato, quello che scoprono li fa saltare dalla sedia. Le telefonate a casa di Mancini, infatti, proseguono. E la prima di cui si riesce a ricostruire le tracce arriva, attorno all'una di notte, dalla Cittadella regionale. Gli investigatori sono allibiti, controllano e ricontrollano ma tutto porta a Germaneto. E il viaggio tra i cavi telefonici finisce sulla scrivania di un alto dirigente. La chiamata anonima è partita dal suo apparecchio. È la seconda parte della storia.
GLI ATTI DEL DIPARTIMENTO Nella terza le forze dell'ordine bussano agli uffici della Regione per cercare di capire il motivo di quelle telefonate anonime, dei bruschi risvegli accompagnati da minacce di morte. Perché è evidente che chi ha deciso di terrorizzare Mancini lo fa per il ruolo che ricopre nella macchina burocratica. Il lavoro investigativo è in corso: ci si concentra sulle carte che riassumono una delle controversie nate negli ultimi mesi tra il dipartimento Lavoro e l'azienda Calabria Lavoro. Al centro dello scontro c'è la gestione di una delle Misure del Por: è quella che si occupa del supporto all'autoimpiego e all'autoimprenditorialità. L'idea è quella di utilizzare i fondi europei per aiutare i giovani Neet calabresi (quelli che, tra i 18 e i 29 anni, non studiano e non lavorano) a uscire da questa condizione di "inerzia". In Calabria, i Neet sono 123mila e la giunta regionale ha puntato molto su questo programma.
UNA PLETORA DI ASSUNZIONI Il programma parte dal dipartimento ma, quando si trasferisce a Calabria Lavoro, viene seguito da una programmazione pletorica di assunzioni. La scheda dell'avviso pubblico parla di un coordinatore di progetto, 15 referenti territoriali, 50 tutor tecnici operativi e 15 unità di segreteria operativa. Troppi, secondo il ministero del Lavoro, che interviene per dirimere le divergenze. Il problema è che «proprio la selezione del personale esterno all'azienda (le 81 figure dell'avviso, ndr), apparentemente retribuito con risorse Iog (Iniziativa occupazione giovani), non risulterebbe coerente in primis con il principio cardine per l'utilizzo delle risorse del Programma operativo di riferimento, ossia che le stesse vengano rivolte esclusivamente ad azioni dirette ai giovani Neet». Non si possono spendere in consulenze i denari riservati alla formazione. Sono così tanti i profili da trovare all'esterno che è chiara «l'assenza, in seno all'Azienda, di personale dedicato e qualificato all'erogazione dei percorsi di accompagnamento all'autoimpiego/autoimprenditorialità». E, tra l'altro, «i profili professionali oggetto di selezione non paiono garantire la necessaria esperienza per l'erogazione» degli stessi percorsi. Queste sono le «criticità» da risolvere. E non sono questioni di lana caprina. La rotta va invertita, spiegano da Roma, per «non pregiudicare, oltre all'ammissibilità delle spese dell'Avviso pubblico al Pon Iog, anche l'opportunità di offrire ai giovani Neet residenti nella Regione Calabria dei servizi di standard elevato, erogati da personale qualificato». Un disastro, insomma.
NUOVO DG, NUOVA OPINIONE Quando questa lettera arriva alla Regione, Antonino De Marco è il direttore generale del dipartimento Lavoro e Giuseppe Mancini ne è il capostruttura. I due sono d'accordo con l'impostazione del ministero: quell'avviso, redatto da Azienda Calabria Lavoro (Acl), non va bene e non hanno intenzione di...........

mercoledì 26 ottobre 2016

Clima caldo da Far West a Zagarise?

Signor sindaco lei dimentica tante cose e fra queste quella apparsa sulla vostra pagina Facebook della coccinella in data 27 Ottobre 2014 , Voi tutti dell'amministrazione Comunale non siete andati incontro a nessuna esigenza sia verso le persone che rappresentano la minoranza ( eletti dal popolo sovrano ) quindi il rispetto è solo stata propaganda
Signor sindaco  come mai i consigli li state facendo nelle ore dove le persone lavorano, perchè non farla in piazza come avevate scritto? avete informato i cittadini di questo consiglio nel modo che scrivevate contro la vecchia amministrazione? sicuramente lo ha dimenticato , scrivevate che Raimondo era troppo tecnico e usava l'albo pretorio per dare le notizie e secondo voi i cittadini di Zagarise non avevano Internet e tanti non sapevano neanche usarlo, voi invece di usare l'albo pretorio usate Facebook solo per informare amici e parenti. Dimenticando  se quelle stesse persone  le notizie che date tramite albo pretorio adesso riescono a capire.
Signor sindaco sto ancora aspettando di leggere la pesantissima situazione economico-finanziaria che dite di avere ereditato  / Sicuramente vi sono rimasti tutti i volantini  di tale disastro dove nessuno ha visto  i cittadini potevano prendere copia , ma se non c’era niente di niente nessuno
signor sindaco una mia curiosità siccome su varie testate giornalistiche leggo che quasi tutti sono assessori ci saranno anche il giorno del consiglio o quel giorno ritorneranno a fare i consiglieri.
Anche quelli dei Giardini degli Esperidi  hanno scritto che Pancrazio Cristao e Federica Tobruk sono assessori ,       quindi ci saranno più assessori che consiglieri , ma perché non smentire che non sono accessori.
SIGNOR SINDACO SU ......

martedì 25 ottobre 2016

Sellia Marina, Monte Mancuso, Crotone storia, curiosità e anedotti sulle tre basi americane in Calabria che "ufficiosamente" sono dismesse

Che l’Italia sia una nazione costellata di basi militari Nato è noto a tutti. Esistono ufficialmente oltre 120 basi sparse nello stivale, oltre a quelle totalmente segrete. Vi è soprattutto una presenza massiccia di basi statunitensi, in seguito alla sottoscrizione di un accordo di collaborazione militare Usa-Italia firmato nel 1951. Ma quante e dove sono le basi militari in Calabria? Andiamo a scoprirlo.

Basi militari in Calabria: i misteri di Monte Mancuso, Crotone e Sellia Marina

La base militare più importante presente in Calabria è quella che si trova sul Monte Mancuso in provincia di Catanzaro. Dove si ritiene che nel passato i militari americani avessero alcune testate nucleari da utilizzare in caso di aggressione e invasione sovietica. Sul territorio regionale insistono poi le stazioni di telecomunicazioni-radar a Crotone e Sellia Marina in provincia di Catanzaro. Superata la Guerra Fredda, molte delle basi militari in Calabria e nel resto dell’Europa furono dismesse o riconvertite.

Base Monte Mancuso, abbandonata da oltre 20 anni

Nome in codice “Immz” faceva parte della rete “Ace-High”, sistema strategico di telecomunicazioni e ponti radio che collegava oltre 80 radar posti in 9 stati europei. Ultimata nel 1960, la base è posta ad oltre 1300 metri di altezza nella foresta del monte Mancuso, ricadente nei comuni di Lamezia Terme, Falerna, Nocera Terinese e Martirano Lombardo.  La “Immz” fu chiusa ufficialmente il 25 novembre 1995. Gli ultimi militari visti attorno alla base risalgono agli anni ’90 durante la guerra in Iraq. Si ritiene fossero nascoste bombe atomiche all’interno di un rifugio sotterraneo esistente all’interno della base, alcuni parlano di fusti tossici. Ma ora, immerse nella vegetazione e nel mistero, rimangono solo le sue grandi antenne. Nel 2015, nonostante la base risulti abbandonata da oltre 20 anni (Guarda video su YouTube), i comuni hanno firmato il rinnovo di servitù militare per il quinquennio 2016-2020.

Centro radar di Crotone

Una unità di difesa aerea situata all’interno dell’aeroporto di Crotone comincia a operare il primo novembre 1982. Attualmente la 132ª Squadriglia Radar Remota è inserita nella catena di Difesa Aerea Nato. Le infrastrutture sorgono su quella che era stata la zona logistica e operativa dell’aeroporto di Crotone lungo la SS106 jonica nei pressi di Isola Capo Rizzuto. Passando per l’aeroporto si può notare un’enorme “palla” bianca”. Una parte della struttura è stata ceduta. Attualmente ospita il più grande campo di accoglienza profughi d’Europa. Nel 1990 il Pentagono sospese la costruzione di nuove base aeree, quindi anche quella che doveva nascere a Crotone. La base avrebbe ospitato aerei F-16 dell’aeronautica statunitense che la Spagna non voleva più. La classe politica e la popolazione, comunque, si oppose a quella che sarebbe stata sicuramente una pioggia di miliardi e migliaia di posti di lavoro per il territorio.

Stazione Loran a Sellia Marina

La stazione Loran di Sellia Marina, in provincia di Catanzaro, era una stazione master di un gruppo che comprendeva i centri radio di Lampedusa, Estartit (a nord-est della Spagna), Kargabarum (Turchia) e Matratin  (Libia). La catena “Loran” (LOng RAnge Navigation System), precursore terrestre delle reti satellitari alla GPS, vide la sua costruzione nel dicembre del 1958. Dopo i test fu attivata nell’agosto dell’anno successivo. L’impianto di Sellia Marina, fu gestito dalla........

sabato 22 ottobre 2016

Il sindaco di Sersale segnala la mancanza del minimo "Bon Ton" politico da parte del Presidente Enzo Bruno, che in maniera del tutto incomprensibile, ha impedito la discussione ed il dibattito prima del voto sul bilancio passando, immediatamente dopo la sua relazione politica, al voto.

Ho partecipato, quale Sindaco del Comune di Sersale, all’assemblea dei Sindaci convocata dal Presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno per l’approvazione del bilancio di previsione 2016.

L’approvazione dello strumento finanziario della Provincia poteva e doveva essere una proficua occasione di confronto con i rappresentanti dei territori.
Io stesso ho chiesto, più volte, di poter prendere la parola per motivare la mia espressione di voto e per chiedere al Presidente Enzo Bruno notizie su importanti pratiche che interessano il mio comune, ma non mi è stato consentito in quanto il Presidente Enzo Bruno, in maniera del tutto incomprensibile, ha impedito la discussione ed il dibattito prima del voto sul bilancio passando, immediatamente dopo la sua relazione politica, al voto.
E’ stata, a mio parere, una grande caduta di stile ed una evidente mancanza di rispetto nei confronti dei sindaci che avrebbero voluto intervenire nell’interesse delle comunità che in quel consesso legittimamente rappresentavano.
Avrei voluto intervenire per chiedere al Presidente Enzo Bruno le ragioni della “scortesia istituzionale” derivante dalla mancata risposta, da parte sua, alla mia nota del 29 agosto scorso con la quale chiedevo conto del fermo dei lavori della strada Cropani-Sersale.
Avrei voluto chiedere al Presidente Enzo Bruno le ragioni del mancato completamento dell’ultimo tratto che dal “Salumificio Rosa” porta al bivio per Cerva, Petronà, Campo Sportivo di Sersale, 118 e Protezione Civile, della mancata realizzazione della rotatoria in corrispondenza di questo importante snodo stradale, della mancata riparazione del tratto di strada fortemente sconnesso e pericoloso nei pressi del cimitero di Sersale, dell’intervento di consolidamento di alcuni tratti pericolosamente franati all’interno dell’abitato di Sersale, in particolare nei pressi della “Conicella”, ed infine della bitumazione di tutto il lotto fino a Piazza Carmela Borelli di Sersale, tutte opere previste e non ancora realizzate.
Avrei voluto chiedere conto al Presidente Enzo Bruno della totale assenza, nel programma delle opere pubbliche, di interventi previsti per il territorio di Sersale: nessun intervento in materia di edilizia scolastica per dare una sede all’Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente, ora ospitato in alcune aule della nostra Scuola Elementare; nessun intervento per la riparazione di alcuni tratti di muri stradali all’interno del centro abitato (“Pupo”, Via Roma, di fronte Officina Gallè e Via Bellavista) che rappresentano situazioni di vero pericolo per l’incolumità delle persone, nessun intervento per la riparazione di numerose buche presenti sulle strade provinciali che attraversano il centro abitato di Sersale, (Via Sila, Via Salita San Pasquale e Via Indipendenza, su tutte).
Avrei voluto dire, infine, al Presidente Enzo Bruno che gli interlocutori istituzionali dei territori sono i sindaci e  non gli amici consiglieri di opposizione.
Avrei voluto chiedere tante altre cose nell’interesse della mia comunità, ma non mi è stato consentito e ciò ha costituito una grave violazione delle regole democratiche e del buon senso, nonché una clamorosa mancanza di rispetto verso i territori ed i loro rappresentanti.
Il mio atteggiamento nei confronti del Presidente Enzo Bruno, in ossequio all’onestà intellettuale che mi riconosco, al contrario, è stato sempre improntato al rispetto istituzionale ed addirittura alla condivisione dei programmi concretizzatasi, in particolare, con il voto favorevole al bilancio di previsione per l’anno 2015.
Analogo rispetto istituzionale, però, non ha avuto il Presidente Enzo Bruno nei confronti del massimo rappresentante di una comunità importante come quella di Sersale che ha il pieno diritto di avere risposte chiare, precise e celeri sulla situazione dei lavori della strada..........

venerdì 21 ottobre 2016

Mafia della Sila e della presila catturati circa 40 persone con l'operazione "Six Towns" mirata a colpire e smantellare la potente e pericolosa struttura di ‘ndrangheta.

Continua la caccia agli ultimi personaggi sfuggiti all’operazione “Six Towns”, con cui i Carabinieri del Comando Provinciale di Crotone hanno colpito e smantellato la potente e pericolosa struttura di ‘ndrangheta ormai nota come “Locale di Belvedere Spinello”. È stato infatti catturato nella tarda serata di ieri Fabio Lopez, 40 anni, ritenuto esponente di rilievo del sodalizio criminale, altro personaggio tra i 36 destinatari del provvedimento cautelare emesso dal Gip Distrettuale di Catanzaro su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, che ha recepito le risultanze di indagine acquisite dal Nucleo Investigativo CC di Crotone e dalla Squadra Mobile di Catanzaro.
Nel blitz notturno con cui 150 carabinieri avevano setacciato numerose località della province di Crotone e Cosenza, oltre ad altre a Milano, Pavia e Varese, il nome del 40 enne era rimasto nella casella degli irreperibili: l’uomo, infatti, si trovava da giorni in Romania per motivi privati. Gli investigatori dell’Arma, però, attraverso una rete di informazioni sul campo, sono riusciti subito a individuare i suoi movimenti e a scoprire che l’uomo sarebbe tornato in Italia nella serata di ieri, su un volo in arrivo all’aeroporto di Bari-Palese. Così, una squadra di Carabinieri del Nucleo Investigativo di Crotone si è spostata immediatamente sul capoluogo pugliese, organizzando la trappola insieme ai militari della Compagnia di Bari-San Paolo: sbarcato dall’aereo, Lopez, che viaggiava con altri suoi conoscenti, risultati estranei alla.....

giovedì 20 ottobre 2016

Sellia Marina; quanto vale un terreno di 1.200 metri quadrati adibito a pascolo? Per l'Agenzia delle Entrate tanto, tantissimo. Storia di una disavventura di un Veneziano proprietario di un terreno.

Prezzo troppo basso per la vendita del terreno, multa dell'agenzia delle entrate

Prezzo troppo basso per la vendita del terreno, multa dell'agenzia delle entrate
È la disavventura capitata a un mestrino proprietario di un appezzamento in Calabria. Lo racconta Adico: "Con questi comportamenti si mette in ginocchio il mercato immobiliare"

Quanto può valere un terreno di 1.200 metri quadrati, adibito a pascolo, situato a Sellia Marina, paese del catanzarese di 7.500 abitanti? Carmine Capace, artigiano di origine calabrese ma residente a Mestre praticamente da sempre, è riuscito a venderlo per 20mila euro al proprietario del terreno confinante.
Ora, però - riporta Adico, associazione a difesa dei consumatori - l’artigiano mestrino deve vedersela con chi ritiene che invece quel terreno valga molto di più, e precisamente 72 mila euro: l’agenzia delle entrate di Catanzaro. "Due settimane fa - racconta l'associazione - Capace è stato sanzionato con una multa di 10 mila euro (ridotta per gentile concessione a 6 mila), ritenendo appunto esiguo il prezzo di vendita e sospettando dunque l’esistenza di una parte di pagamento 'sommerso'".
Secondo l'artigiano "l’agenzia ha controllato il valore dei terreni adiacenti a Sellia Marina ma collocati lungo la statale 106, in una zona industriale ricca di capannoni, e ha deciso che anche il mio terreno ha quel valore. Il terreno, che è destinato a pascolo, si trova invece in paese ed è sovrastato da una collina franante. Abbiamo fatto molta fatica a venderlo per 20 mila euro".
Ora, come spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, “bisogna entrare nel merito e smontare l’apparato su cui si fonda l’accertamento fiscale, ossia quello della determinazione del prezzo considerato normale da parte dell’agenzia delle entrate. Di fronte a questa vicenda, che come dimostrano soprattutto i servizi di Striscia è tutt’altro che isolata, rimaniamo basiti per un motivo preciso: la lotta all’evasione non può ledere le regole del libero mercato e non si...................

mercoledì 19 ottobre 2016

Pecore con la marijuana. Arrestati due fratelli nascondevano all'interno dell'ovile droga e una bilancia elettrica di precisione

Nella giornata di sabato scorso, 15 ottobre, a Gagliato, i Carabinieri di Soverato insieme ai colleghi di Petrizzi e Guardavalle, hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio, due fratelli del posto, Cosimo ed Angelo Zaffino, rispettivamente di 35 anni e 44 anni ed entrambi con precedenti di polizia.

Durante alcune perquisizioni domiciliari, sia nella loro abitazione che in una proprietà rurale, i militari hanno ritrovato circa 190 grammi di marijuana nascosta all’ingresso di un ovile, oltre ad una bilancia elettrica, un bilancino di precisione, una balestra, due scacciacani (una rivoltella priva di tappo rosso ed una pistola simile ad una Beretta), cento colpi a salve e vario materiale per il confezionamento dello stupefacente.
La droga, insieme a tutto il materiale e le armi, è stata...........

martedì 18 ottobre 2016

Benvenuti a Zagarise il comune a impatto zero. Primo in Italia a impiegare un depuratore all’ ozono per le acque reflue da riutilizzare in agricoltura. E primo in Calabria ad aver installato un compostatore meccanico per rifiuti organici

Primo in Italia a impiegare un depuratore all’ ozono per le acque reflue da riutilizzare in agricoltura. E primo in Calabria ad aver installato un compostatore meccanico per rifiuti organici,
Zagarise, nella presila catanzarese, è un comune a impatto zero. Meta di pellegrinaggio di amministratori provenienti dal resto d’Italia ispirati dalle best practices messe in atto nel piccolo centro a ridosso della Sila piccola: tutt’intorno canyon, cascate, rifugi alpini e un parco-avventura fra i più belli d’Europa (Orme nel Parco).L’impianto all’ozono sarà installato prossimamente in alcuni locali del comune: con il suo potere ossidante, il gas (che non produce fanghi, degrada gli inquinanti senza lasciare residui, non apporta salinità all’acqua e la disinfetta evitando l’uso di cloro), aumenta in particolare la biodegradabilità del refluo migliorando le caratteristiche generali delle acque. Una volta purificate, verranno utilizzate per irrigare i campi.Una soluzione innovativa che, insieme al progetto «Rifiuti, legalità e lavoro», volto a ridurre i trasferimenti di umido in discarica (ma anche alla creazione di posti di lavoro, al recupero della legalità nel settore rifiuti, alla difesa dell’ambiente) posiziona il paesino calabrese fra i più virtuosi in campo ambientale. A renderlo ancora più sostenibile, gli impianti fotovoltaici, le pompe di calore negli edifici, le lampade a led. Ne va orgoglioso il sindaco Domenico Gallelli che si è impegnato con passione nella bonifica del territorio.Per valorizzare la sostenibilità ambientale, il patrimonio culturale e quello naturalistico, Zagarise organizza dal 19 al 23 ottobre il festival Giardini delle Esperidi, 5 giorni di eventi che coinvolgeranno anche i vicini centri di Albi e Magisano: un inno alle aree interne della Calabria con trekking poetici (sui sentieri battuti dai briganti), installazioni in videomapping nei borghi, opera dell’artista austriaca Doris Maninger, pic-nic con antropologi, archeologi, intellettuali (Franco Arminio, Pierluigi Pedretti, Francesco Cuteri, Mauro Minervino) per ripensare il,,,,,,,,

lunedì 17 ottobre 2016

Tentano in ogni modo di estorcere denaro a un noto imprenditore edile del Catanzarese. Arrestati dalla polizia con l'accusa di tentata estorsione mafiosa.

Hanno tentato di estorcere somme di denaro al titolare di una impresa edile impegnata nella
costruzione di un complesso di ville. Due persone Francesco Procopio, di 27 anni e Teodoro Notaro, di 23, sono stati arrestati dalla Polizia di Stato con l’accusa di tentata estorsione aggravata dalla metodologia mafiosa. I provvedimenti sono stati emessi dal gip distrettuale di Catanzaro su richiesta della Procura e a seguito delle indagini condotte dalla Squadra mobile del capoluogo su danneggiamenti nei confronti di imprese impegnate nella zona del basso versante jonico catanzarese. Inizialmente la richiesta era di 5 mila euro poi scesa a tremila. La vittima era in stato di particolare soggezione: il 27enne, infatti, è il figlio di Procopio Fiorito attualmente in carcere, ritenuto tra i maggiorenti della cosca Procopio-Lentini-Tripodi operante nel soveratese. Francesco Procopio è attualmente...........