Dal 2009 Sellia racconta il Comprensorio offre un piccolo spazio di informazione tutto in modo totalmente gratuito senza un minimo di pubblicità animato solo dall'amore verso il nostro stupendo territorio.Oltre il 70% dei servizi sono inviati dai vari lettori, amministratori, enti, associazioni ecc...Solo nel mese di luglio 2017 il blog ha totalizzato ben 74.720 contatti ( fonte Google) il tutto da fastidio a chi spinto dall'invidia o da rancori per qualche servizio pubblicato che li da fastidio fa di tutto per bloccarci Ma il blog non si ferma forte del crescente consenso forte della vostra stima Grazie!

Sersale



                                                    Sersale                                                                               

 Sersale deve le sue origini a Sellia.
...Avendo appreso che il barone Francesco Sersale nel suo feudo di Sellia disponeva di vasti appezzamenti di terre incolte, decisero di chiedergli l'assegnazione dei fondi Angaro e Morino siti in territorio di Zagarise e al confine col feudo di Cropani. Si trasferirono pertanto con le famiglie in quelle terre e iniziarono a coltivarle; vi costruirono anche delle modestissime case, a guisa di tuguri, specialmente nei pressi del palazzotto baronale e lungo la strada vicinale, che si diramava verticalmente da Nord a Sud, permettendo l'accesso alla Sila anche a coloro che provenivano da Cropani. La relativa fertilità dei terreni assecondò la tenacia di quei coloni, tanto che presto crebbero nella zona piantagioni e colture: negli orti prossimi alle abitazioni furono piantati i gelsi, con le cui foglie fu possibile impiantare l'allevamento del baco da seta; vennero incrementate le piantagioni di castagni, innestando con qualità domestiche gli alberi selvatici che vi crescevano spontaneamente. Qualcuno si dedicò all'allevamento del bestiame, crescendo piccole mandrei di caprini, ovini e suini; altre, esperti boscaiuoli, eserctiavano l'arte dei mannisi, si dedicavano cioè all'estrazione della manna, incidendo le piante dei frassini che vegetavano nei boschi vicini. Nel complesso i coloni si accorsero che in quei luoghi era possible vivere agevolmente e dignitosamente, con maggiori garanzie per l'avvenire di quanto ne potesse offrire la loro patria d'origine; perciò decisero di rimanervi per sempre.
 L'atto venne rogato in Sellia il 3 agosto 1620 in presenza di entrambe le parti, e cioè da un lato lo stesso barone Don Francesco Sersale, dall' altro 12 coloni, oriundi tutti da Serrastretta, i cui nomi erano i seguenti: Francesco Giuliano, Pietro Torchia, Giovanni Girolamo Talarico, Giovanni Tommaso Mancusi, Marco De Fazio, Vittorio Torchia, Luca Antonio Felice, Francesco Mulinaro, Giovanni Maria Senatore, Giovanni Tommaso Gallo, Pietro Giovanni Mazza, Marcantonio De Fazio alias Caulo.
(Queste Parole sono dal libro di Michele Scarpino; "Sersale storia di una comunità presilana")
                                  Foto antiche di Sersale CZ

Vuoi contribuire ad arricchire questa pagina? Inviaci il tuo materiale: foto, storia,anedotti,racconti ecc... a:  selliaracconta@gmail.com